Mercoledì, 27 marzo 2019
Banner
Banner
Ultime Notizie
AMBIENTE ED ENERGIA

Sondaggio promosso da Sei Toscana: i cittadini non vogliono il porta a porta a sacchetto

Bookmark and Share
Mairaghi: ''Cambiamo il sistema di raccolta. Aumentiamo la differenziata con i cassonetti intelligenti''
L’amministratore delegato di Sei Toscana traccia la linea da seguire per il futuro

seitoscana-cassonetto-camion650“Credo che il porta a porta a sacchetto sia un modello di raccolta da superare, sono gli stessi cittadini che ce lo chiedono. Il futuro è rappresentato dai cassonetti intelligenti”. L’amministratore delegato di Sei Toscana, Marco Mairaghi, analizza il recente sondaggio che il gestore ha promosso fra i cittadini del territorio servito e traccia la linea da seguire per il futuro.

“In questi giorni abbiamo promosso un sondaggio sentendo direttamente i cittadini che vivono nei comuni dove è attivo il porta a porta a sacchetto: la stragrande maggioranza delle persone dice di non essere soddisfatta del servizio e chiede di cambiarlo. Anche noi siamo d’accordo, la raccolta domiciliare con il sacco infatti porta con sé diverse criticità legate soprattutto al decoro urbano: presenza dei sacchi per molte ore in strada, sacchi alla mercé delle intemperie e degli animali, difficoltà legate al loro reperimento. Il porta a porta inoltre limita molto la libertà dei cittadini nel conferimento dei rifiuti, con giorni e orari rigidi da rispettare. Ultima considerazione, ma non meno importante, i costi: questo sistema comporta costi molti alti per l’azienda che ricadono poi sulla tariffa che i cittadini sono tenuti a pagare. Insomma, i tempi sono cambiati e sono maturi per puntare decisi verso un nuovo modello di raccolta: quello dei cassonetti ad accesso controllato.

Sono il primo promotore di questo cambio di rotta – prosegue Mairaghi –, sono sicuro che rappresenterà un vantaggio per tutti. Questo nuovo sistema, che abbiamo già iniziato ad adottare in alcuni comuni, consente ai cittadini di gettare i rifiuti quando vogliono ma, soprattutto, di identificare chi produce cosa. Una tracciabilità del rifiuto che rappresenta la condizione necessaria per l’introduzione del tributo puntuale: cioè pagare per quello che realmente si produce, e si differenzia.

E’ questa la vera sfida: aumentare la raccolta differenziata, migliorarne la qualità, diminuire i costi e premiare chi la fa bene. E’ una sfida impegnativa e stimolante che vede Sei Toscana e i Comuni fianco a fianco, insieme. Nei prossimi giorni proseguiremo il nostro calendario di incontri con le amministrazioni comunali, in modo da concordare assieme le future nuove attivazioni sul territorio”.

FOCUS SUL TERRITORIO – Provincia di Siena

Monteriggioni è stato il primo Comune dell’Ato Toscana Sud ad aver attivato la sperimentazione dei cassonetti ad accesso controllato. Oggi nel comune senese sono presenti due eco-compattatori intelligenti per la raccolta di alluminio e plastica. Inoltre, nei giorni scorsi, è stato attivato un'altra postazione ad accesso controllato che intercetta i piccoli RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche) come cellulari, tablet, tastiere, mouse, pc portatili, piccole stampanti, fotocamere, ecc. E’ già in cronopragramma l’avvio della sperimentazione della raccolta con cassonetti ad accesso controllato anche in altri comuni della provincia senese nei prossimi mesi. I comuni che saranno coinvolti saranno Siena, Murlo, Castelnuovo Berardenga, Buonconvento, Castellina in Chianti, Gaiole in Chianti, Radda in Chianti, Monteroni d’Arbia.
 
sienafreewhatsapp2

GUARDA ANCHE


300x250_estra_19marzo2019

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round
300x250_estra_19marzo2019

ESTRA NOTIZIE

fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER