Martedì, 23 Ottobre 2018
Banner
Banner
Ultime Notizie
PortaSiena
AMBIENTE ED ENERGIA

Alessandro Vigni (Sinistra per Siena e Potere al Popolo): ''Nel cassonetto buttiamoci SEI Toscana''

Bookmark and Share
alessandrovigni3"Una recente indagine del Parlamento sulle attività illecite nel ciclo dei rifiuti in Toscana attesta la cattiva gestione da parte di SEI Toscana e mette sotto accusa l’Ato Toscana Sud ed i sindaci che ne fanno parte, in primis il Valentini". Così l'inizio di una nota di Alessandro Vigni, candidato Sindaco di Sinistra per Siena e Potere al Popolo.
 
"Ormai non ci sono più scuse e alibi - prosegue Alessandro Vigni -: la Relazione della Commissione Parlamentare d’inchiesta, pubblicata a febbraio 2018, e le dichiarazioni dei tre Commissari straordinari nominati su sollecitazione dell’ANAC (dopo l’indagine giudiziaria per corruzione), attestano la crisi gestionale e di sistema ed evidenziano le responsabilità politiche dei Sindaci che prima hanno affidato la gestione dei rifiuti a SEI Toscana e poi si sono disinteressati della grave crisi che era arrivata.

Il sindaco Valentini, che aveva esaltato SEI Toscana come modello, e che aveva spinto Siena Ambiente ad entrare in SEI Toscana, di fronte all’indagine giudiziaria per corruzione che ha travolto i vertici di SEI Toscana,  ha pensato bene che  l’unica soluzione era quella di fare cassa vendendo le quote del comune di Siena ai soci privati. Così facendo Valentini, insieme a Grosseto, hanno consegnato la maggioranza della società ai soci privati: infatti la quota di capitale in mano ad enti pubblici è passata dal 66% al 48,06!

La componente privata della società che ne ha acquisito il controllo, non ha le risorse sufficienti ad adempiere agli impegni previsti dal contratto. Infatti uno dei “soci industriali” è stato dichiarato fallito (La Castelnuovese soc. coop.), mentre l’altro è in liquidazione coatta amministrativa (UNIECO soc. coop). Come denuncia Roberto Barocci, del Forum ambientalista di Grosseto, e come aveva già accertato Ernesto Campanini, consigliere comunale di Sinistra per Siena, la scelta di concentrare il servizio dei rifiuti di 106 comuni nell’ATO Toscana Sud si è rivelata inefficace, inefficiente e incapace sia di redigere il Piano di Ambito, sia di concepire strumenti di controllo sul gestore del servizio, che di esercitarlo.

Dal punto di vista finanziario SEI inoltre non è in grado di corrispondere ai precedenti gestori (fra cui Siena Ambiente) i crediti TIA, che si aggirano sui 15 milioni di Euro. Anche se nel contratto di appalto è stabilito che non può scaricare tali crediti nelle tariffe, di fatto queste sono aumentate in modo esponenziale, e si arriva all’assurdo di applicare la doppia imposizione alle aziende che già pagano per lo smaltimento dei rifiuti speciali. Il malessere si sta diffondendo non solo tra le categorie economiche: proprio in questi giorni il Consiglio Comunale di Chiusi ha votato all’unanimità una mozione che impegna il Sindaco a chiedere al presidente dell’ATO la risoluzione del contratto con SEI.

La situazione è veramente grave e il Comune di Siena dovrebbe immediatamente intervenire, imponendo il ritorno alla legalità e chiedendo  l’annullamento il contratto. E’ un’operazione coraggiosa che il sindaco Valentini non farà mai - conclude Vigni -, perché – come abbiamo visto – preferisce vendere le quote pubbliche a privati e rinunciare al ruolo di rappresentante della sua cittadinanza."
 
sienafreewhatsapp2

GUARDA ANCHE


300x250_estra_10agosto2018

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round ico-zodiacoicons_separatorico_cinemaicons_separatorico-viabilitaicons_separatorico_farmaciaicons_separatorico_meteo
oroscopo  cinema    viabilità     farmacie     meteo
300x250_estra_10agosto2018
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER