Giovedì, 9 aprile 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
PROVINCIA

Comune di Poggibonsi: bilancio, equilibri mantenuti. Sì alla nona variante

Bookmark and Share
Argomenti al centro del consiglio comunale di venerdì 30 settembre
In apertura i saluti del Sindaco e del Consiglio a Dario Ceccherini e il benvenuto ai due nuovi assessori presenti, Susanna Salvadori e Serena Cortecci


comunepoggibonsi300“Abbiamo mantenuto gli equilibri di bilancio nonostante le enormi difficoltà causate dalla manovra 78 del 2010 del governo di cui abbiamo iniziato a discutere circa un anno fa e che ha scosso profondamente gli Enti locali guidati da schieramenti politici di ogni tipo”. E’ stato il Sindaco Lucia Coccheri ad illustrare al Consiglio di ieri 30 settembre la situazione della salvaguardia degli equilibri di bilancio prevista dalla legge.

“Dalle verifiche emerge che il nostro – ha detto il Sindaco - è un buon bilancio. Siamo riusciti ad implementare le entrate, purtroppo con la prima applicazione del federalismo c’è stata una ulteriore riduzione delle risorse di 105mila euro. Il saldo comunque positivo è stato destinato ad aumentare il sostegno alle esenzioni per la Tia, alla manutenzione di zone alberate e alle spese legali che il Comune sostiene a tutela, è sempre bene ricordarlo, dell’interesse generale della città”. “Sottolineo poi – ha proseguito il Sindaco - la nostra buona capacità di indebitamento. Visto che il rimborso dei mutui è fuori dal Patto di stabilità abbiamo estinto alcune quote di mutui col l’avanzo dello scorso anno non altrimenti spedibile. Sarebbe possibile oggi contrarre nuovi mutui per interessi di oltre un milione di euro. Non lo possiamo fare per via del Patto ma è tuttavia una buona eredità che lasciamo per il futuro”.

Altro argomento affrontato è stato quello delle opere pubbliche e delle conseguenze del Patto di Stabilità sulla programmazione.

“Un altro grosso problema – ha specificato l’assessore Giampiero Signorini – che ci ha frenato e ci frena costantemente anche nell’esecuzione di interventi di manutenzione che possiamo realizzare soltanto quando si apre una ‘finestra’, anche perché abbiamo scelto di destinare in via prioritaria le risorse libere per i pagamenti degli stati di avanzamento dei lavori in corso piuttosto che nell’avvio di nuovi lavori. Un modo per non danneggiare coloro che stanno lavorando che sono prevalentemente piccole e medie imprese artigiane”.

Le variazioni più importanti in merito alle opere pubbliche riguardano la partecipazione ad un bando per la produzione energia da fonti rinnovabili. “Abbiamo - ha detto Signorini - redatto un progetto di fattibilità per l'installazione di pannelli in tutte le scuole che hanno una copertura ‘in piano’. Inoltre abbiamo messo a disposizione la copertura dei magazzini comunali per l'installazione di impianto fotovoltaico. Due modifiche che vanno nella direzione di coinvolgere capitale privato negli interventi programmati”

Le verifiche di bilancio sono state approvate con il voto positivo del Partito Democratico e dell’Italia dei Valori e con il no della lista civica Liberamente e del Popolo della Libertà.


La nona variante

Siamo poi passati alla discussione e alla votazione delle controdeduzioni alla nona variante al regolamento urbanistico. Le osservazioni sono state 52 e sono state illustrate dal dirigente del settore Pietro Bucciarelli. Delle 52 osservazioni 20 interessano argomenti puntuali, specifici della variante (zone rurali, zone di espansione industriale e zone di ristrutturazione urbanistica) mentre 16 interessano particolari articoli o parti di immobili e territorio che non sono stati oggetto della variante. Le restanti, per lo più quelle delle Associazioni di Categoria, abbracciavano vari argomenti trattati nella variante.

“Tutte le osservazioni sono state utili
– ha detto Signorini - perché ci hanno anticipato altre situazioni che non mancheremo di discutere e affrontare nel proseguo del percorso di revisione dei nostri strumenti urbanistici. E’ emersa una forte sensibilità nei confronti della tutela delle risorse essenziali del territorio, aria, acqua, paesaggio e quant'altro e discutendo le osservazioni abbiamo tenuto conto di questa priorità andando a inserire una clausola che condiziona l'ottenimento di titoli autorizzativi che comportano la trasformazione del territorio, alla verifica di disporre dell’allacciamento a pubblico acquedotto”.

La variante è stata approvata
con i voti positivi del Pd, dell’Idv, e di Rifondazione Comunisti Italiani e con l’astensione del Pdl.

“Con l’approvazione di questa variante – ha spiegato la Giunta - si conclude la prima fase di revisione dei nostri strumenti urbanistici, fase avviata con l'adozione della variante stessa da cui ha preso il via un lavoro importante di confronto svolto in commissione Ambiente e Territorio e con la città, con i cittadini, con le parti sociali. Ringrazio per questo non solo gli uffici e i consiglieri ma anche gli ordini, le associazioni di categoria, i cittadini e i liberi professionisti che hanno collaborato anche attraverso la presentazione di osservazioni ben argomentate”.

Il Consiglio Comunale si è aperto con i ringraziamenti del Sindaco e del Consiglio Comunale tramite tutti i gruppi, a Dario Ceccherini e con la presentazione dei due nuovi assessori Susanna Salvadori e Serena Cortecci alla loro prima Giunta.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

CORONAVIRUS - 10 comportamenti raccomandati dal Ministero della Salute

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio