Domenica, 27 settembre 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
SPORT

Siena-Chievo, il commento di Sannino: "E' stata la vittoria dei miei giocatori"

Bookmark and Share
siena-chievo-sannino59"Questa è la vittoria dei miei giocatori". Giuseppe Sannino si gode la vittoria, i quattro gol, il momento, ma non perde il distacco dalla realtà , dalla difficoltà del campionato (a partire da domenica prossima a Udine) e tributa il merito del successo ai suoi ragazzi.

"Ho cercato di costruire questa giornata dicendo
: 'In un anno una partita è vostra, ed è questa'. E l'ho fatto perché giocare la terza partita in una settimana è difficile, e oggi sono stati bravi. Non puoi raccontare favole, i giocatori sanno da soli che in situazioni del genere le energie devi trovarle dentro di te. Avevo qualche paura sull'essere squadra insieme, e oggi i ragazzi mi hanno sconfessato".

Il momento del Siena

"Non siamo una squadra che può cullarsi sugli allori. Non abbiamo ancora fatto niente, solo passi in avanti rispetto a concorrenti che stanno temporeggiando un attimo, ma penso già al dopo: prima della pausa abbiamo una partita difficilissima a Udine, sono già proiettato lì".

L'esultanza di Destro
"M'ha fatto male, sì. Non sapevo che era dietro di me. Gli avevo detto che i giocatori non si ricordano solo per aver fatto col all'esordio ma se continuano a fare qualcosa di importante. Lui ha margini di miglioramento, tutti hanno fretta a dire che i giocatori sono bravi ma anche fretta a dimenticasene. Destro ha i numeri, ma per arrivare a certi livelli deve soffrire tanto. Se poi festeggia anche coi cazzotti va bene, basta che faccia gol".

Il gol subìto
"Mi ha dato anche fastidio, ma è come fare le pulci oggi. Tutte le case sono costuite da fondamenta solide e io il mio calcio l'ho sempre basato sulla difesa, su cui innestare il centrocampo e poi l'attacco. In difesa dobbiamo stare sempre vigili, esercitarsi durante la settimana, perché la base è sempre lì".

Altre note di merito
"Oggi i ragazzi hanno saputo soffrire rincorrendo l'avversario, abbiamo visto D'Agostino farlo. Nella vita si può essere ancora più bravi di quello se si è se si è un po' duttili, l'esempio è Brienza. E Mannini è stremato: non sa neanche lui che qualità ha, ha grandissimo fisico: ho già speso parole per lui, se poi le sente non voglio dovergli dare di nuovo calci del sedere. Chi cii sta vicino in campo potrebbe scrivere un libro su quello che ci si dice, ma meglio un 'vaffa' in più e un buon profitto: il fine giustifica i mezzi".

Le prospettive

"Noi dobbiamo sposare una causa che è un obiettivo finale: noi passiamo ma restano una città e una società, il nostro obiettivo quest'anno è far restare il Siena in serie A. Anche in giornate come queste non dobbiamo dimenticarci che l'obiettivo è difficilissimo. Questo è stato il finale di un trittico importante in cui il Siena si è guadagnato sul campo quello che ha avuto. Per la salvezza servono ancora 27 punti che sono tantissimi, ma stiamo sempre sul pezzo. Per me è improtante anche il punto, dà la possibilità di proseguire una serie positiva, muove la classifica e tiene alta l'autostima".
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

''La sospensione di un attimo''

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio