Giovedì, 19 settembre 2019
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
TURISMO

Turismo, a Monteriggioni cresce dell'11,8%

Bookmark and Share
Da gennaio a luglio 2011 27.250 arrivi e 71.500 pernottamenti. Gli stranieri aumentano del 30%
Valentini: “Vogliamo utilizzare la tassa di soggiorno per migliorare l’offerta turistica”


monteriggioni-girasoli-comune450L’industria del turismo continua a funzionare a Monteriggioni e nella provincia di Siena. Lo confermano i dati resi noti dall'amministrazione provinciale di Siena attraverso l’Osservatorio Turistico che raccoglie le informazioni inviate dagli albergatori locali, distinti Comune per Comune e fra ospiti italiani e stranieri.

“Dopo un 2010 stazionario, che seguiva un decennio di grande crescita, – commenta il sindaco Bruno Valentini – i dati del turismo a Monteriggioni tornano a salire. In realtà il fenomeno è composito. Nel senso che gli arrivi e cioè il numero dei turisti che dormono nelle varie strutture è sempre aumentato, ma ciò non si riflette interamente sui pernottamenti perché la presenza media tende a calare, arrivando ai 2,63 giorni per persona di oggi”.

bruno_valentini450vDa gennaio a luglio 2011 si sono registrati 27.250 arrivi a fronte di 71.500 pernottamenti, con un incremento, rispettivamente, dell’11,8% e dell’ 1,2% rispetto all’analogo periodo del 2010. A trascinare le cifre sono ancora una volta soprattutto i turisti stranieri, che hanno scelto le strutture ricettive di Monteriggioni con un aumento percentuale del 30% rispetto agli stessi sette mesi dell’anno precedente.

Le strutture alberghiere faticano di più a tenere i clienti, perché la permanenza media è nettamente più bassa rispetto ad agriturismi ed extra-alberghiero. In base ai dati di fine ottobre, i posti letto sono di poco superiori a quelli del 2010 e cioè 1446 rispetto a 1423, distribuiti in 88 strutture.

“Analizzando i dati fino a luglio 2011
– continua il sindaco Valentini – balza agli occhi il consolidamento di una caratteristica del turismo di Monteriggioni e cioè di essere un grande attrattore, tant’è che dopo giganti come Siena, Chianciano e San Gimignano, prima c’è Montepulciano e poi nella classifica degli arrivi si trovano Poggibonsi (28.000), San Quirico (27.500) ed appunto Monteriggioni (27.250). Sulla cinta muraria del Castello, ad esempio, sono saliti in 150mila circa. Ad ogni modo qui si apre un ragionamento, da sviluppare con gli operatori del settore, sulla capacità di trattenere i clienti, offrendo servizi ed opportunità che incentivino soggiorni più lunghi. Sono in atto processi di trasformazione del turismo internazionale di cui si deve prendere atto, adeguandosi rapidamente. Se il turista tende oggettivamente a spendere meno ed a trattenersi meno giorni, non vale lamentarsi ma va riposizionata l’offerta. Ad esempio riflettendo sui giudizi dei clienti sugli alberghi (ed anche sui ristoranti e sull’accoglienza nel suo complesso) che i motori di ricerca specializzati mettono a disposizione di tutto il mondo attraverso Internet. Talvolta siamo di fronte come ad una tela di Penelope che viene di giorno tessuta da chi lavora per attrarre turisti, come le tante azioni dei Comuni, mentre di notte viene disfatta da taluni operatori che lavorano male, applicando prezzi esosi ed erogando servizi di bassa qualità”.

castello-muratricolori“Il nostro comune conferma la sua immagine di territorio capace di attrarre flussi turistici sia nazionali che esteri – commenta invece l'assessore al Turismo Rossana Giannettoni - La scelta di adottare strategia di valorizzazione e di promozione del territorio puntando sulla qualità dell'offerta e sulla valorizzazione dell'identità storico-culturale del territorio si sta dimostrando vincente. Un risultato positivo che, tenuto conto della difficile ed incerta congiuntura economica che caratterizza questo periodo, mi fa ben sperare sulla capacità attrattiva del nostro Comune. Questi dati positivi non ci devono far adagiare, costituiscono invece un ulteriore stimolo a lavorare sempre di più nel creare fattori di attrazione ed eventi che possano costituire occasioni innovative capaci di rivolgersi al nuovo turista o ospite alla continua ricerca di modi, forme e motivazioni nuove”.

“L’eventuale introduzione della tassa di soggiorno
– conclude il sindaco Valentini - è un argomento che sta entro questa riflessione. Senza dimenticare che è il Governo ad averla messa ipocritamente a disposizione di Comuni dissanguati dai tagli, il punto vero è che questa entrata va utilizzata per migliorare l’offerta di un sistema che senza l’azione degli Enti Locali non avrebbe avuto questi risultati. Sia che un Comune la utilizzi per mantenere gradevoli i monumenti od i giardini pubblici, oppure per continuare o accrescere gli eventi promozionali ed il marketing, saranno sempre investimenti di cui beneficerà chi lavora nel turismo, soprattutto se verranno concertati dalle Amministrazioni insieme agli imprenditori”.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER

archivio