Giovedì, 9 luglio 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
SALUTE E BENESSERE

Salute, la Regione Toscana punta sulla chirurgia robotica

Bookmark and Share
In Toscana 8 apparecchi per la chirurgia robotica: i sistemi Da Vinci sono installati negli ospedali di Siena, Grosseto, Pisa, Firenze, e Arezzo

robot_primoPiano450La Regione punta sulla chirurgia robotica. Un modello organizzativo per il Polo toscano della chirurgia robotica è stato deciso dalla giunta regionale, che ha approvato, su proposta dell’assessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia, un modello che vuole porsi come punto di riferimento per l’applicazione di una tecnica all’avanguardia e ad altissimo contenuto tecnologico, ma anche molto costosa, che necessita, quindi, di un costante monitoraggio sia prima che durante e dopo l’applicazione, per assicurare omogeneità di metodi, approcci e risultati. In Toscana esistono già 8 apparecchi per la chirurgia robotica, i sistemi Da Vinci, installati negli ospedali di Grosseto, Pisa, Firenze, Siena e Arezzo.

“Con questa delibera – spiega l’assessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia – ci proponiamo l’istituzione di un Coordinamento regionale per la chirurgia robotica che si avvale di un comitato scientifico formato dai rappresentanti delle varie sedi. Il coordinamento avrà il compito di definire linee di indirizzo per l’attività dei centri, con standard operativi omogenei per i criteri di selezione dei pazienti, le modalità di accesso dei professionisti, la formazione del personale, le modalità e i programmi di comunicazione/informazione, del consenso e di gestione del rischio. Oltre a costituire un comitato scientifico, ci proponiamo anche la creazione di un registro regionale informatizzato su queste attività”.

robot_sala450La chirurgia robotica, assistita dal computer, è una tecnica rivoluzionaria nella chirurgia laparoscopica mininvasiva, che consente, grazie ad una visione tridimensionale, la massima precisione con una ridottissima invasività. L’apparecchio utilizzato nei nostri ospedali, che in alcuni casi hanno attrezzato sale operatorie ad hoc, è costituito da un robot operativo con braccia meccaniche e una telecamera tridimensionale, comandate a distanza da una consolle gestita dal chirurgo, rendendo la procedura molto più efficace, raffinata e rispettosa della parte trattata.

I primi interventi sono stati eseguiti con successo la scorsa primavera alle Scotte di Siena e all’ospedale di Arezzo.

“La Regione – ricorda l’assessore – incoraggia, e non da oggi, l’innovazione e la ricerca in medicina e in particolare l’utilizzo di sistemi avanzati applicati alle tecniche chirurgiche. Anche, e più che mai in tempi di crisi, è per noi essenziale dare risposte sempre più mirate ed efficienti ai problemi legati alla salute, attuando percorsi e metodologie capaci di produrre vantaggi sia in termini organizzativi, sia soprattutto in termini di risultato clinico”.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

''La sospensione di un attimo''

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio