Martedì, 18 febbraio 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
PROVINCIA

Colle di Val d’Elsa: pubblicati tre bandi per l’alienazione di beni pubblici

Bookmark and Share
Messi in vendita l’ex cartiera Bambi, un appartamento nell’ex scuola di Quartaia e alcuni locali in Via delle Romite
La presentazione delle offerte scade il 28 dicembre


StemmaColleNei giorni scorsi il Comune di Colle di Val d’Elsa ha pubblicato tre bandi, con asta pubblica, per avviare il Piano di alienazioni di alcuni immobili comunali non strumentali alle funzioni dell’ente, approvato nei mesi scorsi dal consiglio comunale. I tre immobili interessati sono l’ex cartiera Bambi, un appartamento nella ex scuola di Quartaia e alcuni locali situati in via delle Romite. Le offerte dovranno pervenire all’ufficio Protocollo del Comune di Colle di Val d’Elsa, in via Francesco Campana, 18, entro le ore 13 di mercoledì 28 dicembre.

I bandi. Il bando che riguarda l’ex cartiera Bambi, testimonianza dell’industria cartaria colligiana acquistata dal Comune negli anni ’30 e attualmente inutilizzata, comprende anche un appezzamento di terreno adiacente, situato lungo Via Maremmana Vecchia. La superficie totale in vendita è di circa 626 mq e la base d’asta parte da 354mila euro. La vendita dell’ex cartiera, su cui esiste già un progetto di recupero per destinare la superficie ad attività direzionali autorizzato dalla Soprintendenza ai Monumenti di Siena, è stata autorizzata dalla Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Toscana.

Il secondo immobile in vendita è un appartamento situato nella ex scuola di Quartaia, fabbricato urbano di vecchia costruzione suddiviso in due appartamenti, di cui uno è già stato venduto con alienazione nel 2007. L’appartamento in vendita con il bando attuale ha una superficie di 84 mq. Il bando comprende anche una resede di 182 mq e la base d’asta è di 120mila euro. Il terzo bando riguarda la vendita di alcuni locali situati in via delle Romite, che fanno parte di un edificio più ampio ubicato nel centro storico di Colle di Val d’Elsa e adiacente all’attuale edificio di proprietà comunale gestito dall’associazione Donne di Castello. I locali hanno due accessi diretti e sono corredati da un ampio giardino. La base d’asta è di 190mila euro.

Informazioni e modalità di partecipazione
. I bandi di gara e la documentazione tecnica sono disponibili in forma integrale sul sito internet dell’amministrazione comunale www.comune.collevaldelsa.it, nella sezione “Gare”, accessibile dalla home page. Le basi d’asta sono state fissate dopo le perizie di stima richieste dalla normativa in materia di alienazioni di beni pubblici. Per prendere visione dei beni oggetto di asta, è possibile concordare un sopralluogo con l'Ufficio Tecnico del Comune di Colle di Val d’Elsa, contattando il geometra Valeriano Pinzi al numero 0577-912.261. Presso l’Ufficio Tecnico, inoltre, è possibile prendere visione degli atti tecnici e amministrativi relativi ai tre beni  e chiedere informazioni sull’elaborazione dell'offerta.

“I ricavi del piano di alienazioni
- afferma l’assessore al bilancio, Leonardo Parri - saranno utilizzati per spese in conto capitale, per coprire manutenzioni ed eventi straordinari, a partire dalla sentenza della Corte di Cassazione che ha chiuso una vicenda giudiziaria aperta dagli anni '80 fra il Comune di Colle di Val d'Elsa e alcuni proprietari di terreni espropriati per la costruzione dell'area Peep de La Badia comparto nord-ovest. La vicenda si è chiusa con l’approvazione di un accordo transattivo con le controparti, che prevede di rateizzare il pagamento nel periodo 2011-2013. Nei prossimi mesi il piano di alienazioni prevede anche la vendita di altri beni di proprietà comunale, non strumentali alle funzioni essenziali dell’ente, e i ricavi potrebbero essere parzialmente utilizzati anche per ridurre lo stock del debito, il cui rimborso annuo è insopportabile rispetto al trend di costante diminuzione delle entrate correnti. Si tratta di misure difficili da attuare, ma necessarie, anche di fronte ai forti tagli ai trasferimenti statali e alla mancanza di altre risorse che non consentono più agli enti locali di garantire il livello di servizi erogati finora”.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round
estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200

Viaggi nel Mondo - Itinerario di viaggio in Giappone: speciale fioritura

Giappone World Face 11 300
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio