Venerdì, 25 settembre 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
TOSCANA

Maltempo, il presidente della Regione Rossi incontra Enel e chiede maggiori investimenti a chi gestisce servizi pubblici

Bookmark and Share
enricorossi450A seguito dell’emergenza black-out causata dal maltempo, incontro urgente a Palazzo Strozzi Sacrati tra Regione Toscana ed Enel. Il primo punto discusso è stato il filo diretto con cittadini, con prefetture e uffici regionali della Protezione civile. “Serve più raccordo e maggiore trasparenza” chiede Rossi. “Avrebbe ad esempio consentito – annota – di intervenire meglio o allestire per tempo centri di accoglienza per quei cittadini costretti per più di un giorno senza energia elettrica e quindi anche senza acqua e riscaldamento”. Ma ad Enel il presidente della Toscana dice anche che “se si devono fare investimenti per alzare il limite di sopportazione degli impianti, che si facciano e si facciano ancora più velocemente”. Lo scriverà per lettera anche all’amministratore delegato dell’azienda.

Si è discusso di questo nella riunione che nel pomeriggio il presidente Rossi ha avuto con l’ingegner Debora Stefano e i vertici di Enel in Toscana. Un incontro convocato dopo che da, martedì notte, più di diecimila famiglie in Toscana, da Pistoia a Pisa, da Livorno a Siena, fino a Grosseto ed Arezzo, sono rimaste senza luce. E alla sei di stasera erano ancora 3.117: 2.613 nella sola provincia di Siena, 391 a Pisa , 93 ad Arezzo e 20 a Livorno.

L’incontro oggi era con Enel, ma lo sguardo del presidente della Toscana Enrico Rossi è più ampio e quando parla e chiede “più investimenti e più attenzione” pensa a tutti i servizi pubblici.

Le precisazioni di Enel
L’allerta meteo non era stata sottovalutata, ha tenuto a precisare Enel: quasi cinquecento persone prima reperibili e poi in campo dalle prime ore. Ma l’evento, hanno aggiunto, è stato eccezionale, tant’è che ieri ed oggi sono arrivati altri centro tecnici dalle regioni vicine. E non sarebbe, a giudizio dell’azienda, neppure un problema di linee vecchie o di manutenzione insufficiente. Enel ha precisato di fare investimenti importanti sulla rete elettrica toscana, che negli ultimi anni hanno portato il servizio elettrico toscano su livelli di eccellenza nel panorama nazionale, come confermano i dati certificati sulla qualità del servizio elettrico. In qualche caso a danneggiare le linee sono stati alberi caduti. In molti altri casi è stato il ghiaccio, che ha creato una sorta di ‘manicotto’ attorno ai cavi che, quando è diventato troppo grosso e pesante, li ha strappati. Magari in zone, complice la nevicata, non troppo facilmente raggiungibili.

Uno sforzo di maggior efficienza
“Occorre prendere atto che siamo alle prese con eventi meteorologici non più eccezionali e che si ripetono – ha ribadito Rossi – e di fronte a questi eventi tutti devono alzare il livello di risposta e prontezza: soprattutto chi gestisce un servizio di pubblica utilità”. “L’anno scorso – ricorda Rossi – ho sbattuto qualche pugno sul tavolo, ho alzato la voce, ho anche fatto qualche denuncia alla Procura e qualche risultato c’è stato. Ferrovie finalmente hanno cambiato nella Toscana centrale gli scambi. Non lo hanno fatto sulla costa e lì i treni hanno continuato a bloccarsi. Autostrade ha vietato il transito ai Tir ed ha funzionato. Anche sulla Fi-Pi-Li c’è stato almeno un livello di attenzione maggiore”. “Continuo invece ad essere deluso da Anas – ha concluso il presidente della Toscana – per come è stata gestita la Firenze-Siena”.

“Qualcuno può pensare che mi occupi di cose che non rientrano strettamente tra le competenze di una Regione – dice alla fine Rossi – Ma se ci blocchiamo con dieci centimetri di neve ad uscirne male è l’efficienza complessiva del sistema Toscana. E questo sì è una competenza della Regione. Per questo continuerò a chiedere più attenzione, maggiori investimenti e sbattere qualche pugno sul tavolo. In questo momento comunque la preoccupazione è per le migliaia di famiglie ancora all’addiaccio”. Rossi ha annunciato di voler convocare tutti i gestori di servizi pubblici attorno ad un tavolo di lavoro. Enel si è già resa disponibile ed è pronta a partire per un confronto sia sull’emergenza e che l’ordinarietà.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

''La sospensione di un attimo''

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio