Venerdì, 3 aprile 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
ARTE, SCIENZA E CULTURA

L’enigma Pia de’ Tolomei e lo sguardo totalizzante di Franco Fortini, presentati i volumi della Fondazione Mps

Bookmark and Share
piadetolomei400Prosegue con successo l’attività editoriale della Fondazione Mps che ieri ha presentato nel salone dei concerti dell’Accademia Musicale Chigiana “Io son la Pia. Un enigma medievale” di Roberta Mucciarelli e “Inverni di guarnigione. Franco Fortini Professore in Fieravecchia” di Valentina Tinacci , nuovi volumi della collana editoriale Protagonisti e Momenti, alla presenza di autorità e di un attento ed interessato pubblico.

“E’ un vanto poter investire quanto possibile nel settore dell’arte e della cultura, a maggior ragione, quando l’investimento è espressione e testimonianza del vissuto della nostra città”. Con questo saluto il presidente della Fondazione Mps, Gabriello Mancini, ha introdotto la serata di presentazione, seguito dagli interventi del professore del Dipartimento di Filologia e Critica della letteratura dell’Università degli Studi di Siena, Romano Luperini, e dal coordinatore del Centro Studi Franco Fortini di Siena Luca Lenzini, i quali hanno ripercorso l’esperienza senese, e non solo, di Franco Fortini, integrando la cronaca con, in alcuni casi, accenni al rapporto personale e professionale con il professore. Figura di intellettuale complessivo, dalle capacità di investire nei vari campi del sapere e di capire in anticipo il senso della storia, individuando immediatamente i momenti di svolta del secolo, Fortini ha vissuto un legame particolare ed intenso con Siena, anche se non di scrittura, grazie al ventennio di insegnamento presso la Facoltà di Lettere e filosofia dell’Università degli Studi di Siena, a cui ha donato il proprio archivio privato comprendente lettere, manoscritti, documenti inediti e materiale di varia natura, disegni e pitture, conservato oggi nel Centro Studi Franco Fortini, di cui Valentina Tinacci è collaboratrice.

francofortini400Dal ricordo lucido e ancora vivo del professore in Fieravecchia, al giallo, all’indeterminatezza, alla storia che si basa sul congetturale, sul sentito dire o sul riportato, sul forse, su ipotesi. Tutto questo sta alla base delle vicende nebulose che avvolgono la figura di Pia de’ Tolomei, come sottolinea il professore del dipartimento di Storia dell’Università degli Studi di Siena, Duccio Balestracci, che ha invitato il pubblico a riflettere sui numerosi quesiti ancora irrisolti che riguardano la vita della donna, ripercorrendo le interpretazioni del suo destino secondo le tradizioni tramandate nei secoli, dalla citazione nel Purgatorio di Dante Alighieri in poi, fino ad arrivare ai giorni nostri. Il professore ha, infine, accennato all’appendice documentaria che Roberta Mucciarelli ha inserito nella seconda parte del volumetto. Si tratta di una breve rassegna di testi letterari e storiografici, di documenti iconografici, a testimonianza della ricchezza degli autori e della varietà dei generi che hanno alimentato la leggenda di Pia de’ Tolomei, dai versi letterari ai copioni cinematografici, dal bruscello al rock di Gianna Nannini.

Realizzati da Protagon Editori di Siena
, i due volumi vanno ad arricchire quella particolare collana editoriale, Protagonisti e momenti, di carattere formativo ed informativo dedicata ad avvenimenti, fenomeni e biografie di personaggi che hanno caratterizzato o influenzato la storia e la comunità di Siena.

A scopo didattico, o semplicemente di intrattenimento per la maneggevolezza del formato e la sinteticità dei contenuti, la collana è stata ideata per agevolare in particolare i giovani studenti nell’approfondimento della storia della propria città.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

CORONAVIRUS - 10 comportamenti raccomandati dal Ministero della Salute

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio