Lunedì, 21 ottobre 2019
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
PROVINCIA

Brogioni: ''Il caos sull’Imu mette in seria difficoltà la chiusura e la stabilità dei bilanci''

Bookmark and Share
L’intervento del sindaco di Colle di Val d’Elsa Paolo Brogioni sulle grandi incertezze vissute dai Comuni in questa fase

paolobrogioni250"La mancanza di certezze da parte del governo sui trasferimenti agli enti locali e le continue variazioni sull’Imu mettono in seria difficoltà la chiusura e la stabilità dei bilanci comunali, non solo nella nostra città, ma in tutti i Comuni italiani. Mai prima d’ora, almeno nel corso della mia esperienza amministrativa, avevo incontrato così tanti problemi e incertezze nella predisposizione della manovra finanziaria comunale, a cui anche l’amministrazione di Colle di Val d’Elsa sta lavorando, con tutti i suoi uffici, da diversi mesi.

Venerdì il consiglio comunale sarà chiamato a discutere e approvare il bilancio di previsione per il 2012. Come illustrato nel corso degli incontri con i cittadini e in occasione della presentazione in consiglio, lo scorso 4 aprile, non nascondiamo forte preoccupazione per i prossimi mesi. Nei giorni scorsi, il Dipartimento per la finanza locale del Ministero dell'Interno ha pubblicato i dati provvisori delle spettanze 2012 di cui i Comuni dovrebbero tenere conto nella redazione dei propri bilanci di previsione. I dati prendono in considerazione i tagli derivanti dalle manovre correttive del governo Berlusconi, dal decreto Monti dello scorso dicembre e delle variazioni compensative del gettito Imu. Il quadro che ne emerge è preoccupante e fornisce numeri non coerenti rispetto alle stime effettuate dagli uffici comunali sul gettito Imu, come denunciato nei giorni scorsi anche da altri enti locali in parti diverse d’Italia.

Per Colle di Val d’Elsa, la differenza tra i dati del Dipartimento del Mef
e quelli stimati dal nostro ufficio bilancio è pari a oltre 400mila euro. I tagli ai trasferimenti sul Fondo sperimentale di riequilibrio si valutano su sovrastime proposte dal Dipartimento del Mef che arrivano al 66 per cento di riduzione rispetto al 2011. Ai 400mila euro si sommano, poi, i tagli delle manovre correttive e del Decreto Monti, varati nel 2011 e già correttamente previsti nella redazione del bilancio di previsione per il 2012, per una cifra che raggiunge oltre 2 milioni di euro, che i Comuni dovranno recuperare dall’applicazione dell’Imu.

Di fronte a questi dati ‘sballati’ e alla protesta di tanti enti locali, è evidente che le stime ministeriali non possono essere ritenute reali, sia per l'enorme differenza tra gli importi stimati dal Mef e quelli comunicati dagli uffici comunali, che per il calcolo del gettito Imu effettuato sulla base di informazioni sul patrimonio di cui solo i Comuni sono pienamente a conoscenza. A questo si aggiunge l'incertezza su importi e tempi della compensazione del Fondo sperimentale di riequilibrio. Nel frattempo, l’unica certezza è che i Comuni devono chiudere i bilanci e si trovano davanti a un bivio: rivedere la leva fiscale o tagliare servizi. Scelte difficili, aggravate dal difficile momento sociale ed economico che vede crescere le richieste dei cittadini a fronte di bilanci familiari già fortemente penalizzati dalla crisi.

In veste di amministratore locale, che ogni giorno si assume una grande responsabilità politica e amministrativa verso la città, chiedo come sia possibile costruire un bilancio veritiero e attendibile in queste condizioni evitando, in tutti i Comuni, di ricorrere a una manovra fiscale aggiuntiva che pareggi stime basate su un gettito Imu non reale. Siamo di fronte a una situazione paradossale e spero che il governo trovi una soluzione accettabile, confrontandosi apertamente con i Comuni. Per salvare i conti dello Stato, non è accettabile pensare di dissestare gli enti locali che lavorano ogni giorno per essere vicini alle proprie comunità e alle loro esigenze essenziali".
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio