Domenica, 11 aprile 2021
Banner
Banner


PALIO E CONTRADE

'UN PALIO AL BUIO'

Bookmark and Share
secondosanmartino2_440La legge del compenso esiste. E come spesso succede le cose vanno a rovescio fra luglio e agosto. Così la Civetta, che in occasione della Carriera di Provenzano aveva assaggiato la delusione dell’esclusione dalla competizione per l’infortunio al cavallo, si aggiudica un trionfo storico che la libera da un digiuno durato trent’anni e dalla cuffia.




istriceddu300Il cittino è nato e il Castellare si scrolla di dosso il ruolo di nonna che passa alla Lupa. La contrada di Vallerozzi ci ha sperato molto questa sera grazie al galoppo audace di Gammede con Fais, poi rallentate dalla prepotenza dell’Aquila. Indira Bella, che già a luglio si era messo in evidenza, non solo la supera mangiando in un boccone la seconda posizione ma la blocca al terzo San Martino spengendo definitivamente le sue e le altre speranze. Ci guadagna l’Istrice, che passa in seconda posizione, ma Trecciolino non ha metri di tufo sufficienti per tentare l’impossibile. La Civetta ha già preso il largo e niente e nessuno può togliere dalle mani di Andrea Mari quel Palio stupendo. Un cencio sognato, voluto, aspettato per tanto tempo. Un’emozione conquistata superando amarezze e sofferenze.


assegnazioneCivetta2_300assegnazioneCivetta1_200Il 13 agosto la Civetta è stata l’unica Contrada che ha esultato in Piazza accontentandosi di quell’Istriceddu che a luglio non aveva portato bene alla Chiocciola e che solo sulla carta continuava ad avere quotazioni alte. Tanti segni, se vogliamo, in questa vittoria, anche se è facile elencarli a posteriori. In primis 'le tre T' di Istriceddu, numero nove di coscia, nove di orecchio e uscito nono da Piazza. La somma indicava ventisette. Tre T come era stato previsto.


L’alfiere della Civetta
poi è stato l’ultimo ad alzare nella sbandierata finale, davanti al Palazzo Comunale e Brio si è messo subito “di traverso“ al canape quando il mossiere, aperta la busta, ha chiamato le Contrade: Mari non aveva posto e ha reclamato più volte, con determinazione.


ilcencio350vMossa che ha avuto un ruolo fondamentale in questo Palio e le carriere del 2009 faranno discutere per quella interminabile attesa, e soprattutto per una situazione assolutamente ingovernabile. Quella di agosto si è rivelata ancora più negativa che a luglio. Con tanta agitazione fra i canapi, nerbate a non finire, coppiole, una 'scudisciata' negli occhi al cavallo del Leocorno e perfino una scaramuccia fortemente alterata fra i fantini di Onda e Giraffa.


provageneralecivetta1_300vTre mosse invalidate, e una quarta, quella considerata valida, molto discutibile. Di sicuro non migliore di quelle che l’avevano preceduta. Un mossiere dal cuore tenero che ad agosto, come a luglio, ha lasciato gioco facile ai fantini limitandosi a qualche sporadico quanto inefficace avvertimento. In certi momenti ci è sembrato addirittura che Guglielmi di Vulci avesse rinunciato ad impostare l’allineamento. Con una rincorsa che non decideva mai, come a luglio. Un’ora e venti minuti di mossa estenuante con la Piazza in delirio. Poi quella mossa valida, accettata più per il buio che imperversava che per il rigore delle posizioni, e non si può considerare neanche la meno peggio. Insomma, ci sarà da discutere con Onda e Pantera rimaste al canape perchè convinte che anche quella partenza sarebbe stata invalidata.


monturaticivetta1_300Quando si abbassa il canape schizzano via veloci Civetta e Lupa su tutte. L’Aquila con Luca Minisini detto Dè e Indira Bella, stessa accoppiata di luglio, è di traverso al canape. Questo difetto del resto era palese a tutti. Minisini è costretto a girare il barbero e perde metri preziosi rispetto alle concorrenti, ma con la potenza di Indira si porta all’inseguimento delle due di testa, Civetta e Lupa, e guadagna la terza posizione in men che non si dica. La Giraffa stempera gli entusiasmi al primo San Martino con una caduta che la mette fuorigioco. Incolore la corsa di Torre, Chiocciola e Leocorno che non mostrano granchè, nonostante una partenza lampo della contrada di Salicotto.


provagenerale-cavallocivetta_300Un Palio difficile, corso a buio, come si dice a Siena, e caratterizzato da tanta tensione, malori, caldo asfissiante, confusione, e anche dai difetti macroscopici degli esordienti, sia dei cavalli che dei fantini. Poi, come per magia, tutto si raddrizza: vince la predestinata, la contrada del lungo digiuno, quella che aspettava la vittoria da trent’anni, e che in tanti, nei pronostici, dicevano che avrebbe vinto. Il Palio non è mai scontato, ma nel suo caos finisce sempre per ricomporre un senso.


stemmacivetta150Un Palio al buio dicevamo, non poteva non vincerlo la Civetta il cui motto è 'Vedo nella notte'.

messadelfantino9_300
 
sienafreewhatsapp650x80
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

ESTRA NOTIZIE

COVID - MISURE IN TOSCANA DA MERCOLEDI' 7 APRILE

anci covid7aprile2021 650
fotostudio siena

archivio