Lunedì, 18 novembre 2019
Banner
Banner
SIENA

Enti Locali, Burresi: ''Rivedere parametri e salvare Provincia Siena''

Bookmark and Share
Il Presidente del Consiglio Provinciale di Siena firma l'appello degli intellettuali

riccardoburresi24_450“Il Governo riveda parzialmente i parametri per la riduzione delle province in modo che una realtà quale quella della provincia di Siena non perda la funzione di capoluogo. Appoggio convintamente l’appello degli intellettuali senesi affinché la Regione Toscana faccia tutto quanto in suo potere per difendere Siena”. E’ quanto dichiara il presidente del consiglio provinciale di Siena, Riccardo Burresi, annunciando la propria firma all’appello in difesa della provincia di Siena promosso da decine di intellettuali, docenti universitari, professionisti senesi.

“E’ sacrosanto ridurre i costi della politica – spiega Burresi – ma questo non deve trasformarsi in un taglio ai servizi per i cittadini. Una realtà come Siena lasciata senza Tribunale, senza Camera di commercio, senza Prefettura, senza le funzioni di prossimità svolte dalla Provincia, si trasformerebbe in un territorio più povero e meno funzionale per i cittadini che pagano le tasse. A fronte di questi gravi disservizi, il risparmio per ogni cittadino in caso di passaggio a Grosseto delle funzioni di capoluogo anche per il territorio di Siena sarebbe di soli 2 euro all’anno”.

“La mobilitazione che arriva dal mondo della cultura e delle professioni di Siena – prosegue il presidente del consiglio provinciale – dimostra la grande vitalità della nostra società civile. Mi auguro che l’appello raccolga più firme possibile anche da chi opera nei settori dell’università e della scuola”.
 
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

MESSAGGIO AGLI UTENTI DEL SERVIZIO WHATSAPP

Da una 15ina di giorni non è più attivo il nostro servizio di invio notizie su whatsapp in quanto l'azienda ha bloccato il nostro numero. Dopo numerose richieste per capire il motivo ci hanno risposto, dopo 10 giorni, adducendo una presunta "violazione dei termini del servizio" specificando la vendita di prodotti non consentiti. Ora, inviando SOLAMENTE notizie, e avendo letto la corposa lista delle vendite vietate per cercare di capire un motivo per tale violazione, deduciamo che, per qualche geniale algoritmo di qualche geniale software, articoli tipo "arrestato spacciatore di cocaina" vengano considerati come vendita... ma ripetiamo, sono solo deduzioni che facciamo. Avendo spiegato nei dettagli il tutto al dis-servizio assistenza abbiamo ricevuto zero risposte e il numero è tuttora bloccato. Siamo dispiaciuti per la situazione e ci scusiamo con i 3.000 utenti del servizio soprattutto per non poter avvertire direttamente a causa del blocco del numero. Speriamo che quanto prima la situazione sia chiarita in modo da poter ripristinare il servizio. Grazie mille.

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio