Venerdì, 15 novembre 2019
Banner
Banner
EVENTI E SPETTACOLI

Ultima giornata per il festival Cineterra

Bookmark and Share
Giovedì 29 novembre al Super Cinema di Monteroni d’Arbia
Catastrofi ambientali e inquinamento industriale nell’occhio del cinema

cineterra_posterUltima giornata di proiezioni per “Cineterra”, la rassegna cinematografica dedicata all’ambiente, in corso al Super Cinema di Monteroni d’Arbia.

Nata da un’idea di Tiziana Tarquini e realizzata da Visionaria con il contributo di Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Provincia di Siena e Comune di Monteroni D’Arbia e il patrocinio dell’Università di Siena, la kermesse ruota introno ai temi delle catastrofi ambientali e dell’inquinamento industriale. E proprio di inquinamento industriale parlano i due film di grande impatto in programma giovedì 29 novembre. Si comincia alle 19.00 con “Anno 2018: verrà la morte” di Giuliano Bugani e Salvatore Lucchese e “Arrivederci a Taranto” di Roberto Paolini e Paola Podenzani in programma alle 21.00. Il primo film affronta il tema dell’amianto che ha causato centinaia di migliaia morti in Europa, anche alla luce del picco delle morti per amianto previsto per il 2018. “Arrivederci a Taranto” è, invece, la fotografia di una realtà complessa, variegata e quasi sconosciuta fuori dei confini della Puglia: la nascita e lo sviluppo delle ex acciaierie Italsider, ora Ilva, a partire dagli anni ’60 e degli scandali ad essa legati. La serata sarà presentata da Duccio Barlucchi e sarà presente l’autore Roberto Paolini. Interverrà anche l’assessore all’ambiente della Provincia di Siena Gabriele Berni e il sindaco di Monteroni d’Arbia, Jacopo Armini. Tutte le proiezioni saranno seguite dalla visione di corti dell’archivio di Visionaria e accompagnati da aperitivi offerti dai Forni Sclavi.

Info su visionaria.eu

arrivederciataranto2_650
 
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

MESSAGGIO AGLI UTENTI DEL SERVIZIO WHATSAPP

Da una 15ina di giorni non è più attivo il nostro servizio di invio notizie su whatsapp in quanto l'azienda ha bloccato il nostro numero. Dopo numerose richieste per capire il motivo ci hanno risposto, dopo 10 giorni, adducendo una presunta "violazione dei termini del servizio" specificando la vendita di prodotti non consentiti. Ora, inviando SOLAMENTE notizie, e avendo letto la corposa lista delle vendite vietate per cercare di capire un motivo per tale violazione, deduciamo che, per qualche geniale algoritmo di qualche geniale software, articoli tipo "arrestato spacciatore di cocaina" vengano considerati come vendita... ma ripetiamo, sono solo deduzioni che facciamo. Avendo spiegato nei dettagli il tutto al dis-servizio assistenza abbiamo ricevuto zero risposte e il numero è tuttora bloccato. Siamo dispiaciuti per la situazione e ci scusiamo con i 3.000 utenti del servizio soprattutto per non poter avvertire direttamente a causa del blocco del numero. Speriamo che quanto prima la situazione sia chiarita in modo da poter ripristinare il servizio. Grazie mille.

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio