Sabato, 21 settembre 2019
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
SALUTE E BENESSERE

Lotta alla leucemia linfatica cronica: scoperta dei ricercatori dell’Università di Siena pubblicata sulla rivista scientifica ''Blood''

Bookmark and Share
leucemia-linfatica-cronica450Passi avanti nella conoscenza della leucemia linfatica cronica, e nella ricerca di terapie innovative. Ricercatori dell’Università di Siena, del gruppo coordinato dalla professoressa Cosima Baldari, hanno scoperto un nuovo fattore che contribuisce alla vitalità delle cellule tumorali in questa patologia, creando le premesse per nuove cure su base genetica. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica Blood.

La leucemia linfatica cronica è una forma tumorale a carico dei linfociti B, caratterizzata da una durata eccezionale della vita delle cellule neoplastiche, che in tal modo possono accumulare mutazioni e aumentare la propria aggressività.

I ricercatori hanno individuato il difetto presente nel recettore che dovrebbe favorire l’uscita delle cellule dagli organi linfoidi. Le cellule dei pazienti affetti da questa leucemia entrano più efficientemente negli organi linfoidi e sono notevolmente rallentate nella loro uscita, a causa di un difetto del recettore chiamato S1P1, la cui funzione è di richiamare i linfociti fuori dai tessuti linfoidi verso sangue o linfa. A causa del malfunzionamento del recettore si crea quindi una sorta di “imbottigliamento del traffico” nei tessuti linfoidi.

Individuando i meccanismi che regolano l'espressione del recettore, il gruppo del dipartimento di Scienze della vita dell’Università di Siena ha anche messo le basi per nuove terapie, basate sulla riattivazione del gene che controlla la produzione di S1P1.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER

archivio