Giovedì, 27 febbraio 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
EVENTI E SPETTACOLI

Nuova rivoluzione digitale al cinema Politeama di Poggibonsi, il tridimensionale raddoppia

Bookmark and Share
Natale 2012 all’insegna delle proiezioni con il nuovo sistema “HFR 3D” a 48 fotogrammi al secondo: il Politeama tra i primi in Italia a dotarsene
"Lo Hobbit - Un Viaggio Inaspettato" è il primo film girato con il nuovo sistema, in programmazione per le feste natalizie a Poggibonsi

hobbit450Nuova rivoluzione digitale al cinema Politeama di Poggibonsi. Il tridimensionale raddoppia la sua efficacia e questa volta sarà davvero uno scherzo essere spinti fuori dalla poltrona per lanciarsi al centro dell’avventura. Una novità tecnologica che si chiama “HFR 3D”, ovvero un sistema di ripresa (e quindi di proiezione) a 48 fotogrammi al secondo. Il doppio rispetto ai 24 tradizionalmente usati.

Il Politeama è tra i primi cinema in Italia a dotarsene, "Lo Hobbit - Un Viaggio Inaspettato", invece, è il primo film concepito con il nuovo sistema, ed è in programmazione nel periodo natalizio nella sala poggibonsese.

Cos’è precisamente l’”HFR 3D”. Lo standard cinematografico di registrazione e conseguente proiezione è a 24 fotogrammi per secondo da oltre 80 anni. Con l’arrivo del digitale, questa limitazione può essere tranquillamente superata e si può girare un film con un numero di fotogrammi doppio, triplo o anche superiore, in modo da avvicinarsi sempre più a ciò che l’occhio umano vede nella realtà (nei videogames è una tecnica già adottata da tempo).

Il 24 fotogrammi ha inoltre problemi di artefatti, in particolare con le riprese nei movimenti veloci e nelle scene più frenetiche e non si riesce sempre a percepire tutto in modo nitido. Allo stesso tempo gli spettatori di tutto il mondo sono abituati fin dal ricordo della loro prima pellicola a questa tipica resa del movimento a 24, che è percepita dallo spettatore proprio come caratteristica stessa ed intrinseca del mondo del cinema.

Noi vediamo una scena in tv o su Youtube, e sappiamo che è stata presa da un film senza nemmeno doverlo chiedere. Per questo assistere ad una proiezione in un film girato e proiettato in 48 può essere un’esperienza molto particolare, perché si scontra con l’abitudine che il nostro cervello ha acquisito fin da quando ne abbiamo memoria, e non si tratta di una semplice illusione come l’aggiunta della terza dimensione. A proposito del 3D, sembra beneficiare notevolmente di questo nuovo formato, perché diventa ben più fluido e coinvolgente.

Il Teatro Politeama di Poggibonsi ha subito risposto a questa innovazione, procedendo all’aggiornamento degli impianti digitali. “Il Politeama di Poggibonsi  - spiega Mario Lorini, responsabile cinema della sala – è stato fin dall’inizio attento alle varie fasi della transizione dal cinema analogico al digitale. Tra i primi locali a dotarsi dei nuovo proiettori 2k, grazie ad un accordo con Sony nel 2011, la struttura si è dotata di un impianto 4k (doppia definizione rispetto allo standard) di produzione Sony appunto, per garantire il massimo della qualità e della definizione del nuovo standard che sta rivoluzionando il modo di assistere ad una proiezione cinematografica”.

“I risultati – prosegue Lorini - e l’apprezzamento del pubblico, pur in un momento non facile per il mercato cinema, hanno dimostrato la bontà della scelta. Non potevamo non rispondere subito a questo nuova svolta tecnologica. Abbiamo quindi aggiornato il nostro impianto digitale, superato i test e le prove imposte da Warner Bros e Technicolor e da oggi facciamo parte della prima lista di sale (24 in tutta Italia) che possono offrire al pubblico la visione de “Lo Hobbit un viaggio inaspettato” così come è stato ripreso, appunto con il sistema a 48 fotogrammi al secondo, doppio rispetto allo standard. Peter Jackson famoso regista della prima trilogia de “Il Signore degli anelli” e appunto de “Lo Hobbit” proseguirà anche nei due successivi capitoli con questa rivoluzionaria tecnica. E James Cameron, regista di “Titanic” e “Avatar” sta producendo il secondo capitolo del suo  fortunatissimo film in 48 fps.

“Abbiamo visto in anteprima “Lo Hobbit” con il nuovo sistema – conclude Lorini - e assicuriamo che lo spettacolo è garantito. Gli spettatori proveranno davvero la sensazione straordinaria di partecipare alla storia, di essere anche loro dentro la scena”

Programmazione de “Lo Hobbit” nel periodo natalizio
. Venerdì 21 dicembre ore 15.45 - 19.00 - 22.15. Sabato 22 dicembre ore 22.15. Domenica 23 dicembre ore 15.45 - 19.00 - 22.15. Lunedì 24 dicembre ore 19.00 - 22.15. Martedì 25 - Mercoledì 26 dicembre ore 15.45 - 19.00 - 22.15. Giovedì 27 dicembre ore 19.00 - 22.15. il film proseguirà la programmazione con orari che troverete sul sito www.politeama.info
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200

Viaggi nel Mondo - Itinerario di viaggio in Francia: sbarco in Normandia

rouen300
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio