Lunedì, 18 novembre 2019
Banner
Banner
ARTE, SCIENZA E CULTURA

Banca Mps accende il Natale con la mostra ''Il mistero gioioso''

Bookmark and Share
Inaugurata la rassegna “Il mistero gioioso. Il Presepe di Greccio e le sculture del Gesù Bambino benedicente” che, fino al 28 febbraio 2013, in collaborazione con il Comune di Siena e la Regione Toscana, espone all’interno del complesso museale del Santa Maria della Scala a Siena alcune opere dedicate alla rappresentazione della natività

gesubambinobenedicente-mpsE’ stata inaugurata la nuova mostra di Banca Monte dei Paschi di Siena, realizzata in collaborazione con il Comune di Siena e la Regione Toscana, dal titolo “Il mistero gioioso. Il Presepe di Greccio e le sculture del Gesù Bambino benedicente”. L’esposizione, allestita nelle sale San Galgano e Sant’Ansano del Santa Maria della Scala a Siena, conferirà rinnovato valore al complesso museale cittadino, animando così il Natale e non solo: la chiusura al pubblico è prevista il 28 febbraio 2013.

In mostra - La rassegna, che offre ai visitatori un interessante scenario iconografico dedicato alla figura sacra del Bambin Gesù, parte dall’esposizione del Gesù Bambino benedicente, reso in due eleganti sculture in legno dipinto, di proprietà di Banca Monte dei Paschi di Siena, realizzati da Domenico di Niccolò dei Cori e Francesco di Valdambrino, tra i maggiori maestri del primo Quattrocento senese. L’esplorazione del tema prosegue con un’opera della Pinacoteca Nazionale di Siena, il Gesù Bambino di Francesco di Valdambrino, con il Gesù Bambino di uno scultore senese della seconda metà del Trecento, conservato nel Museo Archeologico e d’Arte della Maremma di Grosseto, e con una scultura attribuita ad Angelo di Nalduccio, la Madonna in trono con il Bambino, che intagliò il neonato a parte, per consentirne l’uso come immagine devozionale per il Natale.

Contesto iconografico - La mostra, inoltre, garantisce al visitatore una valida percezione d’insieme dell’iconografia della natività, facendo leva su una scorsa di pannelli che esibiscono le immagini di alcune raffigurazioni del Presepe. Tra queste, la più antica è quella di Giotto, pensata per la Basilica di Assisi, con “l’istituzione del Presepe”, che San Francesco volle ricreare nella notte di Natale del 1223 per gli abitanti di Greccio. La presentazione dell’iconografia del Presepe si arricchisce poi con le riproduzioni delle opere di Coppo di Marcovaldo, Guido di Graziano, Taddeo Gaddi e Benozzo Gozzoli, conservate in varie città d’Italia. La mostra, da un’idea di Alessandro Bagnoli e Donatella Capresi, è “narrata” - sia nel catalogo che nei pannelli illustrativi - dai testi curati da Chiara Frugoni e Federica Siddi. In particolare, Chiara Frugoni, illustre storica italiana e specialista in storia e iconografia medievale - nel suo saggio in catalogo dal titolo “Chi era nella stalla, quando nacque Gesù?” - riflette sulle rappresentazioni testuali della nascita del Salvatore (partendo dai Vangeli apocrifi, gli unici a trasmettere certezze relative alla notte di Natale) e alle loro “traduzioni” visive, coi vari mutamenti introdotti nel corso dei secoli. L’evoluzione iconografica, che Chiara Frugoni affronta con dovizia di particolari, potrà essere seguita, in mostra, grazie alle citate fotoriproduzioni di una selezione di opere d’arte, dalle più antiche rappresentazioni del Presepe ad alcune raffigurazioni della metà del Quattrocento.

Informazioni - La mostra, il cui catalogo è stato realizzato dalla casa editrice “Industria Grafica Pistolesi - Edizioni Il Leccio”, resterà aperta fino al 28 febbraio 2013. Il costo del biglietto è compreso in quello d’ingresso al complesso museale del Santa Maria della Scala (intero 3.50 euro; ridotto studenti 3.00 euro). La mostra aprirà tutti i giorni, esclusi martedì e mercoledì, con i seguenti calendario e orari: fino al 6 gennaio 2013 dalle 10.30 alle 18.00; dal 7 gennaio al 28 febbraio 2013 dalle 10.30 alle 16.00. Informazioni e prenotazioni sono disponibili contattando la biglietteria del museo al numero telefonico 0577 534571 o l’indirizzo di posta elettronica infoscala@sms.comune.siena.it.
 
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

MESSAGGIO AGLI UTENTI DEL SERVIZIO WHATSAPP

Da una 15ina di giorni non è più attivo il nostro servizio di invio notizie su whatsapp in quanto l'azienda ha bloccato il nostro numero. Dopo numerose richieste per capire il motivo ci hanno risposto, dopo 10 giorni, adducendo una presunta "violazione dei termini del servizio" specificando la vendita di prodotti non consentiti. Ora, inviando SOLAMENTE notizie, e avendo letto la corposa lista delle vendite vietate per cercare di capire un motivo per tale violazione, deduciamo che, per qualche geniale algoritmo di qualche geniale software, articoli tipo "arrestato spacciatore di cocaina" vengano considerati come vendita... ma ripetiamo, sono solo deduzioni che facciamo. Avendo spiegato nei dettagli il tutto al dis-servizio assistenza abbiamo ricevuto zero risposte e il numero è tuttora bloccato. Siamo dispiaciuti per la situazione e ci scusiamo con i 3.000 utenti del servizio soprattutto per non poter avvertire direttamente a causa del blocco del numero. Speriamo che quanto prima la situazione sia chiarita in modo da poter ripristinare il servizio. Grazie mille.

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio