Mercoledì, 20 novembre 2019
Banner
Banner
PROVINCIA

Sovicille punta a sociale e cultura anche nel 2013

Bookmark and Share
Tra riorganizzazione e innovazione

AlessandroMasiSi chiude l’esercizio del 2012 ed anche per il Comune di Sovicille è tempo di bilanci. Anche in questo difficile 2012 il Comune di Sovicille ha affrontato con dignità le difficoltà di tutti gli enti locali, aumentando i servizi (nuovo nido comunale) e migliorando le infrastrutture sociali (scuola di San Rocco a Pilli; acquisto del prefabbricato a servizio della scuola elementare di Sovicille; interventi di riqualificazione urbana). Con il nuovo servizio dedicato all’infanzia il Comune di Sovicille, insieme alle due materne di Rosia e Barontoli, alle due scuole primarie di Sovicille e San Rocco a Pilli ed alla scuola secondaria di primo grado a Rosia, coinvolge quasi 1.000 alunni, dedicando il tempo pieno al 75% degli studenti a fronte di una media nazionale di circa il 30%, oltre al confermato appoggio alla Polisportiva ed alla Policras. Aumentate rispetto all’anno precedente di circa 50.000 Euro anche le risorse comunali per il fondo affitti per le famiglie in difficoltà, che la regione Toscana ha premiato con un ulteriore contributo di circa 40.000 Euro.

Rispetto al bilancio preventivo varato lo scorso marzo, nel successivo settembre è stata approvata una manovra correttiva  che ha dovuto recuperare oltre 850.000 Euro di ulteriori minori stanziamenti dallo Stato, a scapito dell’originaria previsione per il  rifacimento di alcune strade comunali. Nell’ultimo Consiglio comunale dell’anno è stato infine deliberato di applicare l’avanzo di amministrazione dell’anno precedente per estinguere alcuni mutui che, oltre a metterci in una situazione più favorevole nei rapporti del patto di stabilità, porteranno un immediato beneficio (solo in linea capitale, minori rate per oltre 40.000 euro). Così, salvo imprevisti derivanti dal riscontro del gettito fiscale, dovremmo anche riuscire nel rispetto del patto di stabilità.
Per sostenere questa manovra abbiamo dovuto rivedere l’Addizionale IRPEF e le aliquote IMU ma anche queste sono state ritoccate confermando l’impostazione di Sovicille, Comune sempre attento al sociale: infatti, l’addizionale è stata scaglionata per fasce di reddito e l’IMU ha salvaguardato l’abitazione principale e le attività produttive. Al contempo, è stato dato impulso all’informatizzazione dell’ente e ad una riorganizzazione che ha portato a ridurre i settori da 6 a 4 (accorpamento della Segreteria generale con l’Ufficio finanziario), avvalendosi anche del processo di integrazione con l’Unione dei Comuni della Val di Merse (passaggio definitivo della Polizia Municipale).

L’anno prossimo sarà dedicato dalla Comunità Europea contro lo spreco e quindi alla cultura del risparmio in senso lato; la sua immagine per Sovicille sarà quella del monumento alla cinta all’interno del cortile del Palazzo comunale, segno della concretezza ed oculatezza della nostra tradizione rurale.
L’offerta dell’olio alla lampada di Santa Caterina, Patrona d’Italia e d’Europa, e l’inaugurazione del centro polivalente per la cultura della Tinaia a Sovicille candideranno anche il nostro Comune all’avanguardia sull’intero territorio  come  parte attiva del progetto Siena Capitale della Cultura 2019.
Così, istruzione, formazione e cultura saranno confermati nel tempo i presidi del nostro territorio e l’arte di starci, insieme ai doveri di solidarietà comune che ci derivano dalla nostra tradizione.
Consapevoli delle difficoltà che presenterà anche il 2013, lo sforzo sarà ancora quello di preservare ove possibile il sociale e la cultura.

Gli Auguri quindi del sindaco di Sovicille, Alessandro Masi, e di tutta l’Amministrazione comunale per un migliore 2013 ed un ringraziamento a Tutti i Cittadini  e alle loro Associazioni che si sono impegnati anche quest’anno per questo splendido territorio.
 
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

MESSAGGIO AGLI UTENTI DEL SERVIZIO WHATSAPP

Da una 15ina di giorni non è più attivo il nostro servizio di invio notizie su whatsapp in quanto l'azienda ha bloccato il nostro numero. Dopo numerose richieste per capire il motivo ci hanno risposto, dopo 10 giorni, adducendo una presunta "violazione dei termini del servizio" specificando la vendita di prodotti non consentiti. Ora, inviando SOLAMENTE notizie, e avendo letto la corposa lista delle vendite vietate per cercare di capire un motivo per tale violazione, deduciamo che, per qualche geniale algoritmo di qualche geniale software, articoli tipo "arrestato spacciatore di cocaina" vengano considerati come vendita... ma ripetiamo, sono solo deduzioni che facciamo. Avendo spiegato nei dettagli il tutto al dis-servizio assistenza abbiamo ricevuto zero risposte e il numero è tuttora bloccato. Siamo dispiaciuti per la situazione e ci scusiamo con i 3.000 utenti del servizio soprattutto per non poter avvertire direttamente a causa del blocco del numero. Speriamo che quanto prima la situazione sia chiarita in modo da poter ripristinare il servizio. Grazie mille.

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio