Sabato, 4 aprile 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
EVENTI E SPETTACOLI

Omaggio a Bach con il violoncello di Enrico Dindo alla Micat in Vertice

Bookmark and Share
Venerdì 1 febbraio a Palazzo Chigi Saracini il primo dei due concerti dedicati alle monumentali Suites per violoncello solo
Il violoncellista italiano ha lavorato con artisti del calibro di Riccardo Chailly, Aldo Ceccato,
Myung-Whun Chung o Riccardo Muti

EnricoDindo450Un omaggio a Bach è il tema del concerto del violoncellista Enrico Dindo previsto per venerdì 1 febbraio alle ore 21 nel Salone dei Concerti di Palazzo Chigi Saracini (a Siena in via di Città, 89) nell’ambito della 90esima stagione invernale Micat in Vertice organizzata dall’Accademia Musicale Chigiana. È il primo dei due appuntamenti dedicati alle sei monumentali Suites per violoncello solo del grande genio tedesco: il secondo si terrà il 26 aprile prossimo a chiusura del cartellone. Nella serata di apertura Enrico Dindo propone le Suites numero 1, 3 e 5.

Le sei Suites per violoncello solo furono composte tra il 1718 e il 1723 nel periodo di residenza a Köthen: presso questa corte Bach trascorse anni importanti nell’ambito della vita professionale, perché aveva la possibilità di poter finalmente lavorare per un sovrano che apprezzava la musica e che metteva a disposizione del suo Kapellmeister una buona orchestra e, cosa non secondaria, un buono stipendio. La fonte di ispirazione per la composizione di un corpus così monumentale è tuttora controversa: si sa per certo che la composizione di questi capolavori fu sollecitata da alcuni violoncellisti amici di Bach. L’opera non riscosse grande approvazione tra i contemporanei, tanto che la prima edizione a stampa comparve solo nel 1825 presso l’editore Probst di Vienna.

Enrico Dindo, figlio d’arte, inizia a sei anni lo studio del violoncello. Si perfeziona con Antonio Janigro e nel 1997 si aggiudica il Primo Premio al Concorso Rostropovič di Parigi. Da quel momento inizia un’attività da solista che lo porta ad esibirsi con orchestre prestigiose come la BBC Philharmonic, la Filarmonica di Rotterdam, l’Orchestre National de France, l’Orchestre du Capitole de Toulouse, la Filarmonica della Scala, la Filarmonica di San Pietroburgo, l’Orchestra Sinfonica di Stato di San Paulo, la NHK Orchestra Sinfonica di Tokyo, le Orchestre Sinfoniche di Toronto e di Chicago, al fianco di importanti direttori tra i quali Riccardo Chailly, Aldo Ceccato, Gianandrea Noseda, Myung-Whun Chung, Daniele Gatti, Yutaka Sado, Paavo Järvi, Valerij Gergiev, Jurij Temirkanov, Riccardo Muti e lo stesso Mstislav Rostropovič, che scrisse di lui: «è un violoncellista di straordinarie qualità, artista compiuto e musicista formato, possiede un suono eccezionale che fluisce come una splendida voce italiana».
Tra gli autori che hanno composto musiche a lui dedicate si ricordano Giulio Castagnoli, Carlo Boccadoro, Carlo Galante e Roberto Molinelli. Direttore stabile dell’Orchestra da camera I Solisti di Pavia, ensemble da lui creato, è docente della cattedra di violoncello presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano, la Pavia Cello Academy e ai corsi estivi dell’Accademia Varga di Sion. Enrico Dindo incide per Decca e Chandos e suona un violoncello Pietro Giacomo Rogeri (ex Piatti) del 1717 affidatogli dalla Fondazione Pro Canale.

I biglietti saranno in vendita anche venerdì 1 febbraio a partire dalle ore 20 presso la biglietteria di Palazzo Chigi Saracini. Per informazioni è possibile rivolgersi all’Accademia Musicale Chigiana, tel. 0577 22091, www.chigiana.it.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

CORONAVIRUS - 10 comportamenti raccomandati dal Ministero della Salute

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio