Venerdì, 29 maggio 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
ECONOMIA E FINANZA

BMPS, il Monthly Economic Outlook di aprile 2013. FTSE Mib: -0,3%. BMPS -2,86%

Bookmark and Share
Il Monthly Economic Outlook elaborato dall'Area Pianificazione Strategica, Research & Investitor Relations di Banca Monte dei Paschi di Siena

mps-scalaroccasalimbeni300 • Nella riunione odierna il Consiglio direttivo della Bce, dopo una discussione molto ampia, con consenso prevalente, lascia inalterato il tasso di riferimento allo 0,75% ed invariato allo 0% il deposit facility rate , ma delude quanti si aspettavano indicazioni o annunci su misure di politica monetaria non standard per migliorare ulteriormente le condizioni sui mercati finanziari. A tale proposito la Bce valuterà le misure di politica monetaria analoghe adottate in altri Paesi, allo scopo di capire quali siano applicabili al contesto dell'Eurozona. La fase di debolezza economica si conferma nei primi mesi del 2013 e le prospettive di crescita per l’Area restano deboli e soggette a “downside risks”. I rischi inflattivi rimangono ben bilanciati e l’inflazione è attesa rimanere al di sotto del 2% nel medio periodo, consentendo alla politica monetaria di rimanere accomodante. Pertanto la Bce «continuerà a fornire liquidità a tasso fisso e volume illimitato» al sistema bancario e la sua politica “si confermerà accomodante fino a quando sarà necessario”, rimanendo pronta anche ad agire sui tassi.

• In America la politica di stimolo monetario da parte della Fed impatta sull’economia reale, con i consumi delle famiglie che si rafforzano ed il mercato immobiliare in consolidamento. Secondo l’Ocse pertanto, l’attuale guidance dell’Autorità Monetaria, improntata al mantenimento di tassi di riferimento eccezionalmente bassi sino a quando la disoccupazione non si attesterà al di sotto del 6,5% e l’inflazione rimarrà ben ancorata al di sotto del 2,5%, appare bilanciata nell’attuale contesto. Ma il recupero rimane incerto, come confermato dall’andamento contrastato dei leading indicators di marzo (PMI Chicago ed ISM Manifattura); tra i fattori di incertezza permane il problema della difficile gestione dell’elevato indebitamento federale, cui si aggiunge lo spettro di un possibile conflitto militare con la Corea del Nord.

• Come evidenziato dall’OCSE, all’interno dell’Area Euro si delinea una profonda divergenza tra le prospettive di crescita della Germania, che è attesa recuperare decisamente nei primi due trimestri del 2013, e le altre economie, il cui ritmo di espansione rimane debole o negativo. Al livello di Area la produzione si mostra ancora negativa ad inizio 2013 ed allarma una disoccupazione al 12%. Intanto la crisi del debito non sembra essere risolta; a preoccupare è la situazione di “stallo politico” in Italia e soprattutto le modalità di salvataggio di Cipro, che hanno comportato un pesante coinvolgimento degli investitori privati (compresi i correntisti) nei costi di ristrutturazione del sistema bancario, creando un pericoloso precedente che potrebbe venire utilizzato in caso di futuri salvataggi di altre economie in difficoltà.

• Italia ancora alle prese con una pesante recessione. Secondo l’OCSE il Bel Paese sperimenterà ancora contrazione almeno nei primi due trimestri del 2013. Anche il Ministero dell’Economia e delle Finanze rivede al ribasso le prospettive sulla crescita italiana nel 2013 (-1,3% il calo stimato del Pil), ma la recessione, secondo molti contributori potrebbe essere più pesante (l’istituto Ref Ricerche ipotizza una caduta dell’1,5%, BofA-Merrill Lynch addirittura dell’1,7%). Preoccupa in particolare il clima di incertezza politica, con Presidente della Repubblica che ha istituito un “comitato di saggi”, allo scopo di facilitare la formazione di un nuovo Esecutivo. Al momento la priorità su cui convergono le opposte parti politiche, per stimolare la crescita, è lo sblocco dei pagamenti dei debiti della PA verso i propri fornitori (in due tranches da €20Mld circa ciascuna tra il 2013 e 2014), con un provvedimento governativo di urgenza ormai in dirittura di arrivo. Le tensioni sui mercati, complici anche i timori di un contagio cipriota, si sono acuite, con lo spread Btp10Y-Bund tornato a superare i 350 punti base prima di ritracciare; inoltre il mese di aprile si preannuncia piuttosto delicato in tema di rimborsi dei titoli italiani: vengono a scadenza infatti €47Mld di bond di cui circa 30Mld a medio-lungo termine. Debito pubblico mensile a livelli record, consumi stagnanti ed una disoccupazione che punta rapidamente al 12% contribuiscono a delineare il quadro macroeconomico.



mpslogo260Le chiusure di oggi

FTSE Mib: -0,3% Dax: -0,73%

I migliori del FTSE Mib: TELECOM ITALIA 7,84% B P MILANO 6,23% A2A SPA 3,05%

I peggiori del FTSE Mib: PRYSMIAN -3,45% STMICROELEC.N.V -4,07% BUZZI UNICEM -5,43%

I competitors sul listino: BMPS -2,86% BANCOPopolare -1,74% INTESA -0,62% BPM 6,23% UNICREDIT -0,12% B P EMILIA 0,10% UBI BANCA -0,52%
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

CORONAVIRUS - 10 comportamenti raccomandati dal Ministero della Salute

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio