Sabato, 4 aprile 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
SIENA

Bezzini ai senatori: ''Evitate lo scippo di 26 milioni di euro alla Toscana''

Bookmark and Share
Appello del presidente della Provincia di Siena, Simone Bezzini in vista della discussione al Senato del decreto 35/2013 sui pagamenti alle imprese, nella parte relativa all’equilibrio finanziario degli enti locali

simonebezzini-presentazionebilancio2011_1GP450“I senatori della Toscana si impegnino a evitare lo scippo di 26 milioni di euro alla nostra regione se hanno a cuore la manutenzione di scuole e strade e gli interventi di difesa del suolo”. Con queste parole il presidente della Provincia di Siena, Simone Bezzini rivolge un appello ai senatori eletti in Toscana in vista della discussione in programma nei prossimi giorni a Palazzo Madama del decreto legge 35/2013 sui pagamenti alle imprese, nella parte relativa all’equilibrio finanziario degli enti locali. A pochi giorni di distanza dalla lettera aperta indirizzata ai parlamentari, il presidente Bezzini ritorna, con preoccupazione, sulle conseguenze della mancata riattribuzione di risorse alle dieci province toscane come correttivo necessario ad alleggerire un taglio di 121 milioni di euro per il 2013, due volte più alto della media nazionale.

“Per la nostra regione - sottolinea Bezzini - c’è ancora una possibilità di recuperare almeno una piccola parte dei tagli ai trasferimenti statali che hanno penalizzato le province toscane più di tutte le altre per un’erronea interpretazione dei cosiddetti ‘consumi intermedi’ da parte del Ministero dell’economia e delle finanze, che aveva ricompreso tra questi anche le spese sostenute dalle Province per funzioni trasferite o delegate dalle Regioni. La tabella, purtroppo stralciata dal decreto legge 35/2013 nel testo andato in prima lettura alla Camera e che prevedeva circa 26 milioni di euro di risorse recuperate per la Toscana, viene ripresa nella sostanza dalla versione del decreto all’esame del Senato con l’inserimento, all’articolo 10 comma 1 lettera b, di criteri che prevedono l’esclusione dalla base di calcolo dei consumi intermedi delle spese per formazione professionale, trasporto pubblico locale e raccolta di rifiuti solidi urbani”.

“Adesso - continua Bezzini - è fondamentale che i senatori eletti in Toscana si facciano garanti di questa formulazione, al fine di ottenere una più corretta riattribuzione di risorse alle Province ed evitando il ritorno a un’applicazione iniqua e sbagliata che potrebbe mettere a rischio servizi essenziali per i territori e penalizzare ulteriormente la nostra economia. Forse oggi non è così evidente, ma è su Comuni e Regione che si scaricherà il peso della mancanza di finanziamenti quando le Province verranno abolite. Se noi andiamo in dissesto finanziario, se non abbiamo risorse da investire, nessuno dovrà stupirsi del degrado e dei rischi per la sicurezza. Non chiedo una difesa delle Province - chiude Bezzini - ma dei cittadini e del loro diritto ad avere strade ed edifici scolastici sicuri. Mi auguro che i nostri senatori si impegnino per portare a casa un risultato da cui dipende l’operatività delle Province, il livello di servizio per i cittadini e il sostegno all’economia del territorio. Sarebbe un primo passo importante a cui, poi, dovrebbe seguire almeno una parziale riduzione dei tagli ai trasferimenti degli enti locali e l’allentamento del Patto di Stabilità”.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

CORONAVIRUS - 10 comportamenti raccomandati dal Ministero della Salute

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio