Giovedì, 9 luglio 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
SPORT

III torneo di calcio ''Achille Sclavo'', la vittoria nelle sfide che contano

Bookmark and Share
Triangolare fra Fondazione Achille Sclavo, ChiantiBanca e Vecchie glorie bianconere
In campo Rino Rappuoli, Angelo Riccaboni, Michele Mignani, Stefano Argilli, Paolo Stringara, Andrea Pepi

rino_rappuoli450-novartisFesta grande dello sport e del calcio senese venerdì 31 maggio al campo “Massimo Bertoni”, Acquacalda, dove dalle ore 19 si disputerà il “III Torneo Achille Sclavo: triangolare tra le rappresentative Fondazione Achille Sclavo, ChiantiBanca, Vecchie glorie bianconere. Tutti insieme sul campo di calcio personaggi dei nostri giorni e campioni di ogni tempo del pallone: calceranno e correranno a sostegno della solidarietà della Fondazione Achille Sclavoonlus. Apertura dell’evento alle ore 18,45.

Tra gli altri, saranno in campo con i colori della Fondazione, Rino Rappuoli, uno dei massimi esperti mondali nel settore vaccini, presidente della Fondazione Achille Sclavo e il rettore dell’Università di Siena Angelo Riccaboni; per le vecchie glorie, tra gli altri, Michele Mignani, Stefano Argilli, Paolo Stringara, Andrea Pepi. Premiazione alle ore 20,30. Il triangolare sarà preceduto, ore 17,30, da un minitorneo  tra quattro squadre categoria Esordienti: Polisportiva Valentino Mazzola, ChiantiBanca Monteriggioni, FcMeroni, Gs San Miniato. Durante la manifestazione si terranno estrazioni a premi il cui ricavato sarà devoluto a favore delle attività della Fondazione.

Il Torneo di Calcio Achille Sclavo, III edizione, commenta Rino Rappuoli presidente Fondazione Achille Sclavo onlus, “è un’occasione per sensibilizzare la città alla solidarietà attraverso lo sport”.

ChiantiBanca, dice il presidente Claudio Corsi, “è soddisfatta di associare il suo nome a delle importanti realtà del territorio come la Fondazione Achille Sclavo e le polisportive, confermando la disponibilità alle migliori sollecitazioni del territorio. Da sempre abbiamo un rapporto diretto con lo sport che, preziosa ricchezza per le nostre comunità di riferimento, sosteniamo attraverso una rete capillare di interventi a favore delle molteplici società, strutture e ambienti che contribuiscono anche  a far crescere socialmente e culturalmente le comunità. Tanto più motivati, inoltre, dalle iniziative come il Torneo Achille Sclavo in cui si incontrano sport, solidarietà, coinvolgimento delle giovani generazioni, per le quali lo sport rappresenta un’importante alternativa che offre l'opportunità di praticare una sana attività fisica in contesti che sviluppano anche una corretta socializzazione. Siamo convinti che la popolarità di cui gode lo sport e, in particolare, il calcio debba essere orientata a promuovere azioni di valore sociale”.

La missione della nostra Fondazione, spiega Rappuoli, “ trova ispirazione nell’operato di Achille Sclavo che nel XIX e XX secolo, si impegnò in prima linea contro le malattie infettive e per migliorare la salute collettiva delle fasce più disagiate della popolazione in tutta Italia e particolarmente a Siena. La Fondazione concentra il proprio impegno sui vaccini contro gastroenteriti e dissenterie, ancora oggi tra le principali cause di morte per i bambini dei paesi in via di sviluppo, capitalizzando sulle eccellenze del settore dei vaccini che può vantare la nostra città a livello globale e che ancora molto possono dare alla soluzione di problemi globali come la mortalità infantile. Un’azione importante che ci auguriamo sia supportata da una presenza numerosa della città all’evento”.

La Fondazione Achille Sclavo onlus è stata costituita a Siena nel 2011 con la missione di raccogliere finanziamenti e coordinare lo sviluppo di vaccini a costo sostenibile da destinare ai bambini dei paesi più poveri del mondo. La Fondazione vuole proseguire a livello globale la dedizione profusa da Achille Sclavo, benefattore e fondatore nel 1904 dell’omonima azienda di vaccini, nel promuovere iniziative volte a combattere le malattie infettive, migliorare la qualità della vita e ridurre la povertà nelle fasce più disagiate della popolazione mondiale. L’area di maggior impegno è quella dei vaccini contro le malattie neglette dell’infanzia quali le gastroenteriti, che causano nei paesi poveri fino a 1,3 milioni di decessi di bambini sotto i 5 anni.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

''La sospensione di un attimo''

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio