Sabato, 28 novembre 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
PROVINCIA

Dal 15 luglio imposta di soggiorno anche a Buonconvento

Bookmark and Share
Approvati il regolamento e le tariffe nella seduta del Consiglio comunale del 20 giugno
Mercoledì 26 giugno alle 21.30 nella sala Consiliare del Palazzo Comunale incontro pubblico

campanello-albergo450Via libera all’imposta di soggiorno che entrerà in vigore per tutti i turisti a partire dal 15 luglio. Nella seduta del Consiglio comunale del 20 giugno è stato approvato il regolamento per l’imposta e le relative tariffe a carico di chi pernotterà nelle strutture ricettive del territorio comunale. E proprio il regolamento sarà oggetto di un incontro pubblico che si terrà mercoledì 26 giugno alle 21.30 nella sala Consiliare del Palazzo Comunale alla presenza dell’assessore al turismo Giorgio Meconcelli.

Le tariffe saranno applicate suddivise per tipologia di struttura ricettiva e classificazione: per quanto riguarda gli alberghi 0,50 euro per quelli a una stella, 1 euro per quelli a due stelle e 1,50 euro per quelli a tre stelle; per gli agriturismo 0,50 euro per le strutture classificate a una spiga, 1 euro per quelle a due spighe e 1,50 euro per quelle a tre spighe; per gli affittacamere 1 euro; per gli alloggi privati 0,50 euro; 1,50 euro per le case vacanze e 3 euro per le residenze d’epoca.

«Le tariffe prendono spunto dai territori limitrofi come Asciano o Castelnuovo Berardenga – spiega Meconcelli – per rendere perlomeno uniforme un’imposta a carico di quei visitatori che, nelle nostre terre, non sono stanziali. Da quando è stata istituita dal Governo, questa imposta a Buonconvento non era stata applicata ed io ho sempre manifestato la mia contrarietà ma la situazione oggi è cambiata ed il Comune, alle prese con una difficoltà straordinaria per far quadrare un bilancio sempre più complesso, istituisce l’utilizzo di uno strumento previsto dal Governo stesso. Una scelta, inoltre, che giunge dopo un processo partecipato con gli operatori di settore nella ricerca di alternative possibili senza, però, che siano pervenute proposte applicabili. Una tassa che va a incidere sulle attività economiche è di per sé odiosa – aggiunge l’assessore al turismo di Buonconvento - e lo diventa ancora di più se chi la paga non riesce a vedere a cosa serve. Per questo dovrà essere controllato l’investimento, non solo da parte del Comune, ma anche dagli stessi operatori perché  dovrà servire per migliorare le infrastrutture e i servizi per il turista, organizzare eventi, una promozione qualificata e qualificante per il nostro territorio».
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

ESTRA NOTIZIE

VALDICHIANA VILLAGE - dolce Vita

sienafreewhatsapp300X200
fotostudio siena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio