Venerdì, 4 dicembre 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
LAVORO-FORMAZIONE

Rimor, FIOM CGIL e FIM CISL: a rischio 250 posti di lavoro

Bookmark and Share
rimor300Ieri 27 giugno le RSU della Rimor con FIOM CGIL e FIM CISL si sono incontrate con la Proprietà per proseguire il confronto in merito alla situazione attuale dell'azienda, così come avvenuto lunedì 24 giugno dopo la riunione del CdA con all'ordine del giorno la situazione finanziaria aziendale. In tutti gli incontri - si legge in un comunicato congiungo FIOM e FIM - è stato ribadito da parte dell'azienda che la situazione finanziaria e in particolare l'impossibilità di accedere alle linee di credito per “incomprensibili tecnicismi bancari che impediscono all'azienda di operare all'interno dei fidi concessi” non permettono all'azienda di poter mantenere i livelli produttivi così come programmati a seguito degli ordinativi arrivati, tutto ciò a fronte di una situazione che vede presente in azienda ordini per 20 milioni di euro da produrre entro la fine dell'estate.

I lavoratori della Rimor riuniti in assemblea il 25 giugno, informati della difficile situazione finanziaria in cui versa l'azienda, hanno espresso forte preoccupazione e sconcerto per quanto sta avvenendo e per le conseguenze occupazionali che tutto ciò potrà determinare, sia per i 162 dipendenti diretti dell'azienda, che per tutto il personale indiretto dell'indotto, circa 100 dipendenti di decine di aziende della zona Val d’Elsa.

Nei prossimi giorni, in assenza di cambiamenti in merito all'accesso alle linee di credito, l'attività produttiva rischia di fermarsi completamente, mettendo a grave rischio la tenuta futura dell'azienda, minandola nei suoi basilari fondamenti per il proseguo della produzione e con ricadute occupazionali drammatiche in tutta la zona della Val D'Elsa.
Le organizzazioni sindacali FIOM CGIL e FIM CISL hanno inviato una lettera agli Istituti Bancari che stanno determinando questa situazione per chiedere quali siano le motivazioni e le ragioni di tutto ciò, al contempo è stata inviata una richiesta a tutti i soggetti istituzionali di attivare urgentemente un tavolo di crisi che riguardi non solo la Rimor, ma anche le decine di aziende collegate alla produzione, con lo scopo di attivare tutte le iniziative possibili al fine di salvaguardare e preservare i 250 posti di lavoro.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

ESTRA NOTIZIE

VALDICHIANA VILLAGE - dolce Vita

sienafreewhatsapp300X200
fotostudio siena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio