Venerdì, 4 dicembre 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
SIENA

Tucci (Cittadini di Siena): ''La legalità deve essere la prima preoccupazione della amministrazione''

Bookmark and Share
EnricoTucci450v2013"Nel primo consiglio comunale la maggioranza ha portato in aula la delibera per la "Definizione di indirizzi per la nomina e la designazione dei rappresentanti del Comune presso Enti, Aziende ed Istituzioni", approvata dopo una lunga discussione a cui hanno preso parte quasi tutti i consiglieri". Così un intervento del consigliere comunale Enrico Tucci di Cittadini di Siena.

"Il testo definitivo - prosegue Tucci - accoglie alcuni degli emendamenti migliorativi della sua vaghezza proposti da Laura Vigni e da Michele Pinassi, ma non quelli più qualificanti, proposti dal Movimento 5 Stelle, concernenti la sostanziale gratuità degli incarichi, ma soprattutto la impossibilità di nomina o decadenza dall'eventuale incarico per soggetti rinviati a giudizio per reati contro la pubblica amministrazione. Su questo punto la maggioranza, e il Sindaco sono caduti in grave contraddizione. Nel mio intervento ho ricordato al Presidente del consiglio Ronchi e al sindaco Valentini la loro intenzione, dichiarata in campagna elettorale, di far sottoscrivere alla amministrazione la Carta di Pisa, il codice etico per gli amministratori locali (www.avvisopubblico.it/news/allegati/CARTA-DI-PISA_Testo.pdf). Questo impegno è stato lodevolmente confermato da entrambi, ma poi Valentini in una intervista rilasciata subito dopo il consiglio ha manifestato la sua intenzione di non nominare rinviati a giudizio, giudicando però il collegamento esplicito tra le due cose "una forzatura".

Caro Sindaco non ci siamo, forse non ricordi cosa recita la Carta di Pisa su questo punto al punto 4 dell'articolo 20 concernente i Rapporti con l'Autorità Giudiziaria "In caso sia rinviato a giudizio o sottoposto a misure di prevenzione personale e patrimoniale per reati di corruzione, concussione, mafia, estorsione, riciclaggio, traffico illecito di rifiuti, e ogni altra fattispecie ricompresa nell'elenco di cui all'art.1 del Codice di autoregolamentazione approvato dalla Commissione parlamentare antimafia nella seduta del 18 febbraio 2010, l'amministratore si impegna a dimettersi ovvero a rimettere il mandato". Evidentemente a maggior ragione in una simile situazione non si può essere candidati a nomina alcuna, a garanzia del singoli e delle Istituzioni. Ma non c'è da preoccuparsi, al primo consiglio comunale utile presenteremo una mozione chiedendo la adozione di questo fondamentale documento, garanzia di trasparenza e legalità, da parte del consiglio comunale in modo da impegnare con un solo passaggio tutti gli amministratori, a qualsiasi titolo. Siamo sicuri che sarà approvata all'unanimità".
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

ESTRA NOTIZIE

VALDICHIANA VILLAGE - dolce Vita

sienafreewhatsapp300X200
fotostudio siena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio