Sabato, 8 agosto 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
PROVINCIA

Piccoli spingitori della botte: Poggiolo vive una nuova meritata primavera

Bookmark and Share
PiccoliSpingitori2013Sono trascorsi ormai molti anni da quando, nel 1974 a Montepulciano, il compianto Don Marcello Del Balio, uomo qualificabile per le numerose doti e capacità intellettuali, ideò e fece partire la prima edizione del Bravìo delle Botti. Con lui alcune persone di buona volontà che, spinti dall’affezione al loro paese, si misero in moto perché quest’idea divenisse realtà. Nel gruppo degli organizzatori, composto principalmente da uomini, spiccavano già alcune donne. L’entusiasmo comune che si percepiva in quegli anni era molto intenso.

Allora le Contrade contavano poche persone, le sole che vivevano dentro le mura, ma tutti andavano d’accordo e si davano molto da fare. Le donne passavano intere serate a cucire i vestiti per il corteo storico, le bandiere e sferruzzando a maglia per fare le calzamaglie e le casacche degli armati. In quegli anni non vi erano gli stands gastronomici attrezzati e a norma come oggi. Cucinavano ognuna nella propria abitazione, chi una cosa chi un'altra, e poi mettevano le pietanze insieme. Era un modo di stare in piacevole compagnia e la sera del Bravìo alla 22.00 tutti a casa, la festa era già finita. In quegli anni poi c’erano pochi soldi. Andavano avanti a forza di mille lire che elargivano i pochi contradaioli che in maggioranza erano pensionati. Ognuno si ingegnava a fare un po’ di tutto a seconda dell’evenienza guardando poco alla carica ricoperta, perché tutti erano più cariche. Non vi erano le preoccupazioni di permessi e di normative da rispettare. Si faceva e si correva il Bravìo spinti dalla voglia di stare insieme.

L’entusiasmo di allora l’ho ritrovato e percepito nello sguardo dei piccoli spingitori e nella tifoseria giovanile durante la decima edizione dei “Piccoli Spingitori della Botte” organizzata dalla Contrada di Talosa nel sesto memorial a Michele Lucci. I giovani spingitori hanno spinto una botte adeguata alla loro tenera età in due giornate, quella di sabato 29  e quella di domenica 30 giugno, dove hanno potuto, con la prima manche, percorrere una leggera salita a cronometro e nella seconda manche intraprendere un circuito cronometrato con penalità. 

Si sono distinti, nelle due serate, per la Contrada del Poggiolo, i due cugini Jacopo Parissi e Giovanni Guarino riportando in sede il premio, il Bravio dei piccini, un panno di colore scarlatto dipinto dall’artista poliziana Laura Cozzani.

Sono convinta che l’evento “Piccoli Spingitori della Botte” sia da tenere molto in considerazione da parte del Magistrato e di tutte le Contrade. E’ un evento da potenziare e da valorizzare perché sono certa che possa essere un valido punto di partenza per creare vero senso di appartenenza alle Contrade nelle nuove generazioni e stimolo a percepire il senso della corsa del Bravio in modo sano e personale. Non si diventa uomini tutti in un giorno, ma gradualmente. Il percorso per diventare veri contradaioli  quindi si accompagna all’età.

E’ stato infine piacevole colloquiare con alcuni bambini della scuola primaria e sentirli promettere che il prossimo anno saranno piccoli spingitori anche loro. Piccole grandi promesse da tenere quindi in considerazione e valorizzare.
di Lucia Tremiti
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

''La sospensione di un attimo''

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio