Lunedì, 22 luglio 2019
Banner
Banner
SPORT

Il CUS Siena Judo – Sansedoni terzo in Italia

Bookmark and Share
A pari punti con il Titania Club di Catania e dietro solo ai varesini della Robur e Fides e ai piemontesi dell’accademia Torino

Judo-Matteo-Ronca-orocoppaitalia2013Un oro e un argento individuale e un terzo posto nella classifica maschile a pari merito con il Titania Club di Catania; questo è il bottino più che positivo del Cus Siena Judo Sansedoni alla Coppa Italia 2013 di scena a Lido di Ostia.

Una performance di tutto rispetto per i senesi, i cui cinque atleti in gara guidati dal tecnico Simone Cresti hanno messo in mostra un gran bel judo, tornando in Toscana con la consapevolezza di aver fatto il massimo anche in quest’occasione.

Al mattino di sabato sono andate in scena le categorie più leggere, vale a dire 60 Kg, 66 Kg e 73 Kg.

Andrea Ferretti, al limite dei 60 Kg, può solo recriminare contro le decisioni arbitrali che gli hanno impedito di proseguire il proprio cammino sino alle zone più nobili. Superato il primo incontro, si trova opposto al secondo turno al napoletano Campese, cui deve arrendersi di misura, per due sanzioni ad una sola. Nel girone di recupero ha la meglio sul laziale Mattozzi, per poi incontrare il barese De Bartolo.
La sfida, molto equilibrata, si protrae sino al golden score e proprio quando il cussino sembrava avere in mano la situazione costringendo il rivale a una posizione di passività, ecco la decisione dell’arbitro di sanzionare proprio l’atleta senese, scelta criticata fortemente dal pubblico ma che, purtroppo, segna la fine della gara del cussino il quale si deve accontentare della nona posizione.

A 66 Kg Gregorio Orlandi supera agevolmente i suoi primi due avversari giungendo ai quarti di finale.
Qui è costretto a cedere il passo al catanese La Fauci che, in seguito, proseguirà la propria marcia sino alla medaglia d’oro.
Nei turni di recupero supera nel finale Cavallo di Settimo Torinese e poi si scontra col lombardo Razza, in palio l’ingresso nella finale per il bronzo.
Passato in vantaggio di waza ari, il senese comincia ad accusare la fatica e la stanchezza per gli incontri precedenti, riuscendo con sempre maggior difficoltà a contenere gli attacchi del rivale; quest’ultimo riesce a piazzare uno yuko e, con meno di un minuto dal termine del combattimento, riesce a portarsi in vantaggio marcando a sua volta waza ari.
Con le poche energie residue il senese prova ad invertire nuovamente l’andamento dell’incontro ma senza fortuna, terminando al settimo posto la propria avventura, ma confermandosi nel lotto dei migliori di categoria.

Nel pomeriggio sono, invece, giunte le due medaglie per i colori bianconeri.

A 81 Kg Matteo Ronca si dimostra nettamente al di sopra degli avversari, surclassando con potenza e tecnica i propri contendenti.
Sono ben sei i rivali che vengono superati dal cussino prima del limite, il quale, dopo diversi piazzamenti sul podio, riesce finalmente a cingersi il collo del metallo più pregiato, traguardo ampiamente meritato che lo conferma ai vertici del judo italiano.

judo-chiaracarminucci-mondialeU21_2013Nella stessa categoria di peso, meno fortuna ha avuto Francesco Lo Parco, il quale supera il primo avversario di prepotenza, ma al secondo incontro viene a sua porta sconfitto dal ligure Daminelli. La situazione di parità viene risolta a favore del rivale al termine di un’azione confusa che vede i due contendenti portarsi fin quasi ai margini dell’area di combattimento.
Purtroppo la poule proibitiva non permette a Francesco di essere recuperato e lo estromette così dalla competizione.

Nella categoria oltre i 100 Kg, invece, Giga Gubeladze conquista la medaglia d’argento al termine di una gran gara. Tre incontri vinti prima del limite gli spalancano le porte della finale contro il laziale De Angelis.
Passato in vantaggio per somma di sanzioni, subisce un ippon beffardo in quanto, nel tentativo di portare un attacco, l’avversario approfitta di una esitazione per marcare il punto decisivo.
Giornata terminata in gloria, quindi, per la sezione judo, a confermare quanto di buono svolto fin qui, dalla ripresa dell’attività agonistica.
Momento positivo da sfruttare senz’altro negli altri appuntamenti avvenire prima della pausa natalizia, per raccogliere altri risultati importanti da quanto seminato fin qui.

Venerdì scorso, Chiara Carminucci a Ljubljana (Slovenia) ha rappresentato l’Italia nel Campionato Mondiale UNDER 21. Opposta alla canadese Beatrice Valois Fortier, dopo un inizio deciso e determinato, si è scomposta subendo l’ippon della più esperta avversaria terminando la sua corsa ai sedicesimi. La diciassettenne senese, comunque ha dimostrato carattere e potrà rifarsi nel prossimo futuro.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

archivio