Domenica, 15 settembre 2019
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
SIENA

Siena, sulle indennità non è volontà del Comune creare pregiudizi ai suoi dipendenti

Bookmark and Share
Dall’Amministrazione: "Un serrato confronto sindacale e nessuna disparità di trattamento tra dipendenti e dirigenti"

palazzocomunale450freeDurante la seduta consiliare di stamani, i consiglieri Giuseppe Giordano (Siena Rinasce), Michele Pinassi (Siena 5 Stelle), Laura Vigni (Sinistra per Siena, RC, ScM) hanno presentato interrogazioni orali, di uguale contenuto,  aventi per oggetto la messa in mora del personale comunale per le indennità ricevute, ma  non previste dal contratto nazionale di lavoro, come evidenziato dalla verifica amministrativo-contabile dall’Ispettore Cimbolini inviato dal MEF.

Giordano, comprendendo come l’atto adottato dall’Amministrazione sia a cautela del Comune per evitare di incorrere in responsabilità erariali, ha chiesto "ulteriori informazioni sulla vicenda, e se l’Ente abbia valutato altre possibilità di recupero, oltre ai tempi e alle modalità di restituzione>". "Fattori questi - come ha evidenziato Pinassi - non da sottovalutare su stipendi che si aggirano sui mille euro mensili e per responsabilità non certo da addebitare ai lavoratori, bensì ai dirigenti".  O, come ha fatto notare la Vigni, "in primis, al Sindaco dell’epoca. I dirigenti, inoltre, non sono stati messi in mora, nonostante l’Ispettore avesse riscontrato irregolarità anche nel loro trattamento retributivo accessorio. Per questo, richiedo il ritiro immediato delle determinazioni e l’apertura un tavolo di trattativa con le OO.SS".

L’assessore Mauro Balani, nel rispondere, ha evidenziato l’obbligatorietà di "procedere al recupero delle indennità contestate contestualmente  all’erogazione del salario variabile 2012, conseguentemente a quanto rilevato in sede ispettiva e ripreso puntualmente nell’ultima relazione del collegio dei revisori dei conti, che si sono espressi esplicitamente in tal senso". "Ferma è la volontà di intrattenere sul punto un serrato confronto sindacale, le parti sono state già convocate per giovedì prossimo, 31 ottobre, al termine della Giunta". Smentita ogni presunta difformità di atteggiamento rivolto a dipendenti e dirigenti. "L’Amministrazione produrrà una propria, convinta, memoria difensiva adottando, nel mentre, ogni provvedimento volto alla cautela, evitando pregiudizi ai lavoratori, così come danni erariali, ad oggi presunti, ma per i quali la Corte dei Conti invita ad una messa in mora di prassi ordinaria per tutti i soggetti potenzialmente attori delle determinazioni assunte nel tempo. Resta il fatto che a fronte di dover procedere, per i suddetti motivi, a trattenere le dubbie indennità per un importo complessivo di 88mila euro - oggetto di uno specifico accantonamento - si procederà ad una concreta erogazione,  nell’ordine di un milione e 200mila euro, riferita all’anno 2012, contribuendo a saldare, per quanto possibile, un conto sospeso con tutti i dipendenti".

Il consigliere Giordano, nel prendere atto di quanto illustrato dall’assessore, ha sollecitato un confronto costante con le OO.SS e i lavoratori, così come la collega Vigni che, nel dichiararsi parzialmente soddisfatta, ha condiviso la cautela dell’Amministrazione anche in relazione della situazione, similare, presente al Comune di Firenze. Parzialmente soddisfatto pure Pinassi, e non tanto per quanto esposto da Balani, bensì per le conseguenze che dovranno affrontare i dipendenti comunali in un momento di particolare crisi economica.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER

archivio