Sabato, 24 agosto 2019
Banner
Banner
PROVINCIA

ENEL interviene sull'inaugurazione del piano di riassetto di Piancastagnaio

Bookmark and Share
enel-tagliodelnastro650"In riferimento ad alcune osservazioni sulla presentazione del piano di riassetto di Piancastagnaio, avvenuta venerdì 25 ottobre, Enel Green Power precisa che l’inaugurazione è avvenuta alla luce del sole (considerata anche la bella giornata) ed è stata molto partecipata. È singolare che si pretenda di esprimere giudizi sull’inaugurazione del riefficientamento di alcune centrali da parte di un’azienda che, almeno sulle iniziative che avvengono nel perimetro dei propri impianti, è libera di decidere sulle modalità di organizzazione". Così una nota di Enel.

"Tra l’altro - prosegue la nota -, l’evento si è svolto nella più totale tranquillità, senza barriere, con un tour guidato agli spazi esterni degli impianti e con la partecipazione della Comunità del cibo ad energie rinnovabili del Cosvig (Consorzio Sviluppo Aree geotermiche) che ha fatto conoscere i prodotti della filiera geotermica, a conferma dell’utilità dei cosiddetti altri usi della geotermia.
 
Per il piano di riassetto di Piancastagnaio Enel Green Power ha investito 90 milioni di euro con significative ricadute sul tessuto imprenditoriale locale. Le operazioni hanno comportato la dismissione della centrale geotermica PC2, l’installazione degli impianti AMIS in tutte le altre centrali in servizio (PC3, PC4, PC5), la costruzione e l’entrata in funzione dal settembre 2012 del nuovo “termodotto” presso PC3 per la fornitura del calore alle serre di Floramiata e a tutte le aziende in località “casa del corto” che ne faranno richiesta con evidenti vantaggi per l’indotto del territorio. Conclusi con successo anche gli interventi di riefficientamento delle centrali di PC3, PC4 e PC5. Sarà riqualificata anche l’area di PC2 con un restyling del vecchio fabbricato macchine, che è stato destinato ad uso uffici per il personale di Enel Green Power con un importante recupero architettonico. L’intervento rientra negli investimenti che Enel Green Power sta facendo in Toscana per lo sviluppo della geotermia nell’ottica della produzione da fonte rinnovabile e del rispetto per l’ambiente: nel prossimo quinquennio Enel Green Power investirà 500 milioni di euro di cui 123 per la realizzazione della nuova centrale di Bagnore 4, che sarà un’eccellenza per tecnologia e standard ambientale a livello mondiali.
 
Enel Green Power opera in collaborazione con le Istituzioni per lo sviluppo energetico ed economico del territorio nel rispetto dell’ambiente e con un altissimo grado di innovazione tecnologica che la rende leader mondiale nel settore della geotermia rinnovabile, fatto confermato dagli apprezzamenti che arrivano da ogni parte del pianeta e dalle tantissime visite alla geotermia toscana da parte di esperti, gruppi di studiosi, Istituzioni, Università, scuole e turisti. La geotermia costituisce una risorsa a 360° che consente di utilizzare il calore a imprese locali e abitazioni, di promuovere la cultura, il turismo, l’agricoltura e l’imprenditoria sul territorio. A questo proposito, da tempo Enel Green Power sta lavorando, con disponibilità e competenze, per favorire l’ulteriore specializzazione dell’indotto locale in modo da sostenere lo sviluppo economico e sociale dell’Amiata in un periodo di crisi qual è quello che stiamo vivendo.
 
Si tratta di elementi così palesi - conclude Enel - che ognuno potrà trarre le proprie conseguenze sulla bontà di iniziative come l’inaugurazione di impianti rinnovati e, più in generale, l’attività geotermica in Toscana".
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

archivio