Sabato, 8 agosto 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
TOSCANA

Province, Bugli: ''Al Governo chieste certezze per personale e risorse e ruolo Regioni''

Bookmark and Share
VittorioBugliL'abolizione delle Province e il futuro di chi ci lavora, ma anche il destino delle funzioni di cui saranno svuotate con l'approvazione del percorso di riforma all'esame del Governo e del Parlamento. Di questo si è parlato nella tavola rotonda promossa dalla Cgil Funzione Pubblica di Livorno questa mattina nella sala consiliare della Provincia della città. "Le  vostre preoccupazioni – ha ribadito ai rappresentanti sindacali l'assessore alla presidenza della Toscana, Vittorio Bugli – sono le stesse preoccupazioni  sulle quali abbiamo aperto un confronto in seno alla Conferenza della Regioni".
 
Un primo passo, ha ricordato l'assessore, è stato fatto la settimana scorsa, con la firma dell'accordo tra Conferenza delle Regioni e sindacati, assieme a Governo e Comuni, che prevede l'istituzione di un tavolo permanente di confronto nazionale (ed altri tavoli territoriali e regionali): sulla trasformazione delle Province ma anche sulle unioni di Comuni al di sotto dei 5.000 abitanti e in genere sul riordino degli enti locali, con l'obiettivo in particolare di salvaguardare posti e retribuzioni dei lavoratori. "E' un percorso – ha proseguito Bugli – che dobbiamo riuscire però a portare avanti tutti assieme, coinvolgendo ad esempio i parlamentari per la presentazione di emendamenti e chiedendo al Governo di accelerare l'iter del disegno di legge costituzionale".
 
L'assessore ha poi ribadito quella che è la posizione delle Regioni, per cui è indifferibile una riforma del sistema istituzionale che parta dall'abrogazione del Senato e dalla sua sostituzione con una Camera delle autonomie. "Va bene un provvedimento-ponte come il ddl Delrio – ha spiegato – ma se ci si limita a svuotare le Province e a ributtare verso il basso le loro funzioni, c'è il forte rischio che si produca un assetto istituzionale ingestibile, destinato ad infrangersi sulla prima barriera. Perciò è necessario che in questo percorso siano coinvolte le Regioni, in modo che possano regolare con proprie leggi la redistribuzione delle nuove funzioni sul territorio".
 
"La Toscana vuole esserci – ha concluso Bugli, rivolgendosi ai rappresentanti delle istituzioni e dei sindacati – e ci sarà in una posizione di grande responsabilità, ma potrà farlo se le priorità che abbiamo indicato saranno accolte dal Governo. E' questa la prima e più importante sfida che, solo se uniti, potremo vincere".
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

''La sospensione di un attimo''

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio