Martedì, 11 agosto 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
PROVINCIA

Sarteano, Landi: ''Lavoriamo insieme per far crescere ancora il Saracino''

Bookmark and Share
«La giostra è un bene comune. Ripartiamo dagli appuntamenti di successo. Al centro la festa ‘Civitas Infernalis’. Nel 2014 si torna alla storica corsa di ferragosto»

giostradelsaracino-cavaliere-buratto450“Il grande lavoro delle contrade deve essere valorizzato, privilegiando le manifestazioni di qualità e di successo. In questi anni il Comune di Sarteano insieme al popolo delle contrade, ai capitani, al comitato presieduto da Sergio Cappelletti, hanno dimostrato di poter lavorare insieme  innovando, trascinando le altre associazioni e le categorie economiche in un clima di collaborazione, a tratti di euforia, mai visto prima. Ripartiamo da questo clima di coesione, che ha fatto bene alla comunità“. Questo il commento del sindaco Francesco Landi al termine di una settimana nella quale si sono succeduti colloqui con il mondo della Giostra per spiegare la decisione di tornare nel 2014 ad una sola Giostra del Saracino, quella storica, di ferragosto.

“Stiamo costruendo un nuovo anno ricco di eventi con tutte le associazioni di Sarteano, che metta la centro le esperienze di successo. A partire dalla festa unica, “Civitas Infernalis”, novità dello scorso anno, che ha suscitato entusiasmo tra le contrade, i commercianti, le associazioni e naturalmente tra i tantissimi ospiti“.

“Vogliamo preservare la valenza storica e l’autenticità di una manifestazione che da sempre si corre a ferragosto – commenta Landi -. Per due anni abbiamo concesso di correre delle giostre straordinarie, e la valutazione è che la seconda giostra ha dimostrato dei limiti oggettivi, sia nelle difficoltà organizzative, ma soprattutto di partecipazione rispetto a quella di ferragosto, perché meno sentita dalla popolazione. So bene che su questo ci sono posizioni diverse: persino all’interno dello stesso comitato, due contrade su cinque si sono dette contrarie alla seconda giostra”.

“Non escludo a priori che la Giostra possa essere organizzata in futuro, ma deve rimanere una situazione straordinaria legata ad un fatto sentito e coerente con la storia della manifestazione. Non possiamo rischiare di sciupare quello che è un vero patrimonio, un bene comune, di tutti i sarteanesi. Ogni decisione che prendiamo, che capisco possa non essere condivisa da tutti, parte solo e soltanto da questi presupposti: fare del bene alla Giostra, fare del bene a Sarteano”.

Il sindaco Landi, negli incontri che ha avuto con la Giostra, ha poi ricordato il sostegno dato dal Comune al Saracino in questi due anni. “Pur in un momento difficile per tutti, anche per i nostri bilanci – continua il sindaco - abbiamo aumentato il sostegno economico e logistico alla Giostra; dato la possibilità alle contrade di organizzare nuovi eventi; sostenuto la promozione del Saracino fuori dai confini comunali; lavorato assieme al Comitato per l’inserimento della Giostra nell’elenco ufficiale dei giochi storici della Regione Toscana. La stessa sede è stata allestita grazie a un finanziamento della Fondazione Monte dei Paschi, ottenuto con l'appoggio del Comune; poi portata avanti grazie allo straordinario lavoro di volontariato dei contradaioli e degli artigiani sarteanesi”.

“Se in questo momento – conclude il sindaco Landi - ci sono anche preoccupazioni di sostenibilità economica, che comprendo, l’amministrazione comunale non si tirerà indietro nel dare un sostegno ed il proprio contributo di idee, come abbiamo sempre fatto”.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

''La sospensione di un attimo''

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio