Giovedì, 28 ottobre 2021
Banner
Banner
ECONOMIA E FINANZA

BMPS, ricerca ed analisi: Weekly Economic Outlook del 31 marzo 2014

Bookmark and Share
Il Weekly Economic Outlook elaborato dal Servizio Market Strategy - MPS Capital Services e dal Servizio Research - Banca Monte dei Paschi di Siena

montedeipaschidisiena-portone300Economia reale: negli States, a marzo, raffredda il Pmi manifatturiero, a 55,5 punti, mentre avanza l’attività manifatturiera della Fed di Kansas City a 10 punti; sempre a marzo, cresce la fiducia dei consumatori a 82,3 punti. A febbraio, si contraggono sia le vendite di case nuove, sia le vendite di case in corso, rispettivamente del 3,3% m/m e dello 0,8% m/m. Scendono le richieste di sussidio di disoccupazione nella settimana del 22 marzo, attestandosi a 311mila unità. Avanza leggermente, a marzo in lettura finale, la fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan (80 punti). Nell’Area Euro, a marzo, raffreddano, i Pmi (manifattura a 53 punti, servizi a 52,4 punti) e scende la fiducia dei consumatori (-9,3 punti). In Germania, a marzo, l’inflazione armonizzata scende, come da attese, allo 0,9% a/a; in calo anche i Pmi (manifattura a 53,8 punti, servizi a 54 punti). Sempre a marzo, l’indice IFO delude le aspettative nella componente prospettica (a 106,4 punti) e commerciale (a 110,7 punti), a fronte di un inaspettato aumento di quella corrente (115,2 punti). In Italia, a gennaio, scendono meno del previsto, le vendite al dettaglio (-0,9% a/a); a marzo, supera le attese la fiducia dei consumatori, salita ai massimi da giugno 2011. A febbraio, i prezzi alla produzione scendono dell’1,7% a/a.

Tassi di interesse: negli Usa, tassi governativi misti. In calo i tassi governativi europei, con il decennale tedesco che scende fino all’1,54%. Lo spread Btp/Bund si mantiene sotto i 180pb, con il Btp decennale sceso a quota 3,30%, livello minimo dal 2005. L’Euribor a 3 mesi venerdì scorso fissava in lieve ribasso allo 0,310% dallo 0,315% della scorsa settimana.

Valute: euro in deprezzamento nei confronti del dollaro, con il cross €/$ tornato ad oscillare in area 1,37, ai minimi da inizio mese, su attese di nuove manovre della BCE. Buona performance degli emergenti; rand e real brasiliano migliori valute.

mpslogo260Materie prime: andamento positivo per tutti i settori ad eccezione dei metalli preziosi con l’oro che torna in area 1294 $/oncia per la prima volta da oltre un mese. Positivo il greggio con il WTI in rialzo sopra i 101$/b. I guadagni hanno interessato particolarmente zucchero, caffè e gas naturale Usa. Torna invece in negativo il nichel dopo ben sette settimane chiuse al rialzo.

Borse: settimana positiva per i listini mondiali ad eccezione di quelli Usa con il Nasdaq che perde circa il 2%. In forte rialzo soprattutto le borse emergenti guidate dai listini turco e brasiliano. Nuovi massimi dal 2011 per l’indice italiano Ftsemib intorno a quota 21500 punti. All’interno dello Stoxx 600 positivi tutti i settori, in particolare alimentari ed auto.
 
sienafreewhatsapp650x80 sienafree telegram650x80
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

archivio