Mercoledì, 12 agosto 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
SIENA

Il bilancio dell'attività 2014 della Polizia di Stato in provincia di Siena

Bookmark and Share
Un anno di attività tracciato dal questore Piccolotti
Presentato il Calendario 2015

polizia-calendario2015E’ stato un anno di intensa attività per la Polizia di Stato “senese” quello che sta per concludersi.
Il bilancio dei servizi svolti, sia sul piano della prevenzione che della repressione dei reati e degli illeciti in genere, è stato tracciato dal Questore della provincia di Siena Maurizio Piccolotti , nell’ambito di un incontro con la stampa tenutosi questa mattina.

Numerosi gli interventi effettuati dalle Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e dei due Uffici di Controllo del territorio dei Commissariati distaccati, che ammontano a 3242, 2343 dei quali in città e i restanti a Poggibonsi e Chiusi, anche a seguito di circa 5374 chiamate giunte al 113. 10993 sono le persone controllate nel capoluogo e 3585 i veicoli sottoposti a verifica, nell’ambito di questi servizi ordinari di prevenzione.

Particolare impulso è stato dato alle attività di controllo del territorio anche con l’attuazione, sia nel capoluogo che in altri comuni della provincia, come San Gimignano, Castellina in Chianti, Rapolano Terme, Monteroni d’Arbia, Asciano, Abbadia San Salvatore e Castelnuovo Berardenga, di servizi straordinari, con l’impiego del Reparto Prevenzione Crimine Toscana, rivolti quindi anche a quei Comuni che talvolta ne avevano manifestato l’esigenza in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica. Al riguardo sono 47 i servizi straordinari di controllo del territorio attuati, con 2551 persone identificate e 1093 autovetture controllate, 29 gli esercizi pubblici sottoposti a verifiche, 137 posti di controllo effettuati, che hanno portato alla denuncia penale di 4 persone e amministrativa di altre 4, oltre al sequestro di 4 veicoli.

52 gli arresti effettuati dai poliziotti della Questura e dei Commissariati, mentre 481 sono le persone denunciate in stato di libertà. L’attività repressiva ha portato inoltre a 47 sequestri di sostanze stupefacenti.

Tra le attività investigative svolte dalla Squadra Mobile sono state citate alcune più significative: il 15.01.2014 sono state eseguite 3 ordinanze di misura cautelare in carcere, emesse dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Firenze nei confronti di 3 cittadini rumeni residenti nella provincia di Arezzo per i reati di tratta di esseri umani e riduzione in schiavitù; il 07.03.2014 è stata data esecuzione a 4 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal G.I.P. di Siena nei confronti di 4 pregiudicati (due pugliesi e due calabresi ) che la sera del 30.09.2013 avevano compiuto una rapina a mano armata a Staggia Senese, asportando una somma di 2300 euro ed oggetti in oro il cui processo di primo grado si è già concluso con condanne tra 4 e 5 anni a tutti i componenti della banda; il 22.05.2014 è stato arrestato in flagranza del reato di spaccio di sostanza stupefacente di tipo marijuana, un cittadino greco domiciliato a Siena con sequestro di kg.1,2 di marijuana; il 09.07.2014 sono stati arrestati in flagranza di reato due fratelli Etiopi, residenti a Rosia, perché ritenuti responsabili di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente di tipo hashish con sequestro circa gr 500 di hashish. Il 21.11.2014 è stata data esecuzione ordinanza di misura cautelare in carcere emesse dal G.I.P. di Siena nei confronti di un pluripregiudicato italiano responsabile del furto ai danni del distributore Beyfin di Siena la notte del 29 giugno 2014 asportati 20.000 euro e recuperata parte della refurtiva. Il 27.11.2014 inoltre è stata data esecuzione 1 ordinanza di misura cautelare in carcere emessa dal G.I.P. di Siena a carico di un giovane kossovaro residente a Castelnuovo Berardenga, autore di numerosi furti ai danni di ristoranti e locali del centro storico di Siena.

Sul fronte amministrativo, il lavoro della Divisione PASI ha portato al rilascio di 5595 passaporti, e al rifiuto di 5, alla concessione di 39 licenze per la vendita di preziosi e per le raccolte di scommesse, 12 delle quali rifiutate. Particolare attenzione è stata rivolta anche alla materia delle armi con il rilascio di 1148 porti d’arma a fronte di 25 rifiuti e/o revoche per mancanza o perdita dei requisiti., con la trattazione del consistente gravame che ha visto prevalentemente confermate le decisioni dell’ufficio, a riprova della oculatezza delle stesse della validità dei presupposti.

L’Ufficio Immigrazione ha invece concesso 9800 permessi e carte di soggiorno, con un incremento del 5% rispetto al 2013, 232 dei quali per asilo politico, con un segno positivo del 300% rispetto all’anno precedente, anche in relazione alla spalmatura dei migranti sbarcati sul territorio nazionale che ha interessato anche la provincia di Siena. 140 richieste sono state invece negate. 44 sono i decreti di espulsione emessi, oltre a 35 ordini del Questore, a 4 accompagnamenti alla frontiera e 8 ai Centri di Identificazione ed Espulsione, nei confronti di extracomunitari irregolari sul territorio nazionale.

La massima attenzione è stata rivolta inoltre alle misure di prevenzione, efficace strumento per incidere sulle condizioni di sicurezza, sensibilizzando anche le altre Forze dell’Ordine alle segnalazioni di situazioni di interesse. Al riguardo, la Polizia Anticrimine ha adottato 215 Fogli di Via Obbligatori, 29 D.a.spo, 35 avvisi Orali e 4 Sorveglianze Speciali nei confronti delle persone ritenute pericolose per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Ma l’attività della Polizia di Stato non riguarda soltanto la Questura e i Commissariati, ha tenuto a sottolineare il Questore Piccolotti, evidenziando il lavoro svolto anche dalle Specialità per garantire la sicurezza dei cittadini. In particolare, nel corso dell’anno, la Polizia Stradale ha accertato 3135 infrazioni al codice della strada, con conseguente ritiro di 147 patenti di giuda e 117 carte di circolazione, oltre a ben 3028 punti decurtati. 535 sono le persone sottoposte durante i controlli alle verifiche con etilometro o precursore.
La Polizia Ferroviaria ha effettuato circa 100 scorte ai convogli, identificando 2908 persone e denunciandone 4, una delle quali in stato di arresto.
Nell’ambito delle attività della Polizia Postale e delle Comunicazioni, 15 sono le indagini svolte in collaborazione con le altre Forze di polizia e due delegate in via esclusiva, per detenzione di materiale pedopornografico e per adescamento di minori. 20 i denunciati in stato di libertà per reati vari, comprese le truffe online.

“I risultati raggiunti nel 2014 - ha precisato il Questore, insediatosi lo scorso 1 febbraio - non sono soltanto il frutto dell’impegno profuso dalla grande Squadra della Polizia di Stato, ma sono anche il prodotto della preziosa collaborazione dei cittadini. Ho potuto constatare, infatti, fin dal mio arrivo a Siena - ha proseguito – l’attenzione e la solerzia di tutta la cittadinanza nel segnalare situazioni sospette o anomale che ci hanno spesso consentito di intervenire tempestivamente per garantire la sicurezza, svolgendo al meglio il nostro lavoro. Spero - ha poi concluso- che questo importante rapporto di collaborazione con i cittadini prosegua e, se possibile, cresca ulteriormente, perché sono convinto che si possa sempre fare meglio”.

E proprio per quanto riguarda il futuro, il Questore si è poi soffermato a parlare degli obiettivi che la macchina della sicurezza si è prefissata per il 2015. Primo tra tutti l’ulteriore incremento delle attività di controllo del territorio, anche attraverso servizi e operazioni ripetutamente mirate. Secondo obiettivo, ma non meno importante, quello di rafforzare ancora la collaborazione con il cittadino, alimentando la cultura della legalità, anche attraverso di specifici piani di comunicazione con le scuole di tutta la provincia, e con iniziative che avvicinino ancora le istituzioni ai cittadini per renderli più informati sull’organizzazione sulle modalità e potenzialità operative di chi deve garantire la loro sicurezza. Ed infine, alimentare e favorire ancor di più la sinergia tra le Forze dell’Ordine che già quest’anno ha dato i suoi ottimi frutti, con arresti ed operazioni congiunte soprattutto nell’ambito del controllo del territorio, oltre al coordinamento con tutti i soggetti la cui attività comunque coincide sulla sicurezza generale del territorio.

L’incontro con la stampa è stato anche l’occasione per presentare il calendario 2015 della Polizia di Stato, realizzato con gli scatti del tre volte premio Oscar Vittorio Storaro.
Si tratta di un calendario che rompe la tradizione, raccogliendo dodici scatti d’autore con cui il maestro ha deciso di rappresentare il tema delle abilità che il poliziotto quotidianamente mette al servizio del cittadino.
Attraverso uno stile artistico classico e a lui congeniale, Storaro gioca con le trasparenze per mostrare il dettaglio, il particolare e il tutto, in un’unica immagine. Come un regista, dissolve le immagini e le sovrappone, usa la luce puntiforme per tagliare le ombre come una lama e disegnare sagome di donne e uomini della Polizia di Stato in ambientazioni fisiche e spirituali, reali e oniriche.

Calendario: ORIGINE DEL LAVORO
Alcuni mesi fa, visitando una struttura della Polizia di Stato a Roma, Vittorio Storaro è colpito dalla persistenza di due elementi: la tradizione nell’architettura dei luoghi e negli elementi classici e simbolici e la modernità rappresentata dagli operatori di polizia che animano quegli ambienti, intenti nel perseguire e salvaguardare valori umani e sociali eterni e assoluti. La bellezza di questo connubio ispira l’artista alla realizzazione di una serie di scatti fotografici presso la Scuola Superiore di Polizia, che custodisce importanti opere del maestro Mario Ceroli, tra cui il Sacrario, Uffici di Polizia, caserme e luoghi in cui si estrinsecano le attività di Polizia. Arte e Abilità sono i concetti fondanti che Vittorio Storaro ha ricercato. Sono questi i temi che coesistono, si integrano sinergici ma restano comunque elementi ben definiti, colonne che sostengono immagini forti e suggestive.
Attraverso uno stile artistico classico e a lui congeniale, Storaro gioca con le trasparenze per mostrare il dettaglio, il particolare e il tutto, in un’unica immagine. Come un regista, dissolve le immagini e le sovrappone, usa la luce puntiforme per tagliare le ombre come una lama e disegnare sagome di donne e uomini della Polizia di Stato in ambientazioni fisiche e spirituali, reali e oniriche. Ogni colore, ogni frequenza della luce diventa il simbolo di uno stato d’animo, mentre le opere d’arte rappresentate manifestano la persistenza della tradizione, il legame con le proprie radici da riscoprire e coltivare.
Ne nasce un lavoro prezioso e fortemente intriso di valore che il Maestro decide di metterlo a disposizione della realizzazione del Calendario della Polizia di Stato del 2015 nel quale alle fotografiche vengono associate le parole delle singole abilità del Poliziotto, scelte dagli stessi poliziotti attraverso un forum aperto sul portale dell’Amministrazione.
L’intera opera troverà il suo momento espositivo dal 4 dicembre al 11 gennaio 2015 presso il polo museale dei Mercati traianei di Roma in concomitanza con la mostra “Le chiavi di Roma. La città di Augusto”. Durante tale periodo, oltre gli scatti realizzati con la Polizia di Stato, verranno esposte una serie di fotografie realizzate da Vittorio Storaro nel corso della propria vita professionale.
Come ogni anno prosegue, con la realizzazione del calendario, il sodalizio tra la Polizia di Stato e Unicef. La vendita del calendario ha, infatti, permesso di ricavare 110.000 euro che verranno devoluti al progetto Unicef “Nutrizione per i bambini vittime dell’emergenza umanitaria nella Repubblica Centro Africana”. Salgono a 1.998.000 euro i ricavati delle vendite dei calendari della Polizia e devoluti ai progetti Unicef nel corso degli ultimi anni.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

''La sospensione di un attimo''

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio