Giovedì, 19 settembre 2019
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
EVENTI E SPETTACOLI

A Radicondoli prende il via la terza edizione di Destinazione Sud Festival

Bookmark and Share
5-6-12-13-19-20 marzo con la direzione artistica di Viviana Insacco e Alessandro Cagni, a cura di Radicondoli Arte

destinazionesudfestival2016Sta per aprirsi la terza edizione di Destinazione Sud Festival, il festival radicondolese dedicato all’arte e al cinema sociale, un viaggio verso sud per coglierne le problematiche e i fermenti, attraverso i linguaggi del documentario indipendente e l’arte fotografica, con un’attenzione ai giovanissimi. Grazie ai laboratori che Destinazione Sud ha promosso nelle scuole, gli studenti diventano attori chiave del Festival: hanno scritto le recensioni ai documentari e realizzato delle opere pittoriche che saranno allestite nella location ufficiale, Palazzo Bizzarrini.

Si parte sabato 5 marzo con l’inaugurazione di tre mostre fotografiche: Eco de Femmes in sala mostre Sergio Pacini, un progetto di Gvc Onlus per contribuire all’emancipazione femminile nei contesti rurali di Marocco e Tunisia; Cambia.menti al bar trattoria Il Nazionale, un viaggio planetario del fotografo Marco Sgarbi; e infine St.art al ristorante La Pergola, il fotoreportage di Jessica Corsi realizzato a Palermo durante un workshop con Shobhaa Battaglia e Letizia Battraglia, la fotografa della mafia.

I documentari del sabato sono  “Racconti di frontiera”: Puzzlestan del giornalista freelance Ivan Grozny Compasso è un viaggio da Kobane all’Iraq e ritorno in Rojava, Syrian Edge racconta le storie dei rifugiati siriani in Libano e delle comunità di accoglienza; e Surrounded by Isis, vincitore del “Premio Lo Porto” al TTFF, istituito in ricordo del cooperante e collaboratore di GVC rapito in Pakistan nel 2012 e morto nel 2015 sotto il fuoco di un drone americano: il regista Xavier Muntz, dopo essere entrato clandestinamente in Siria e aver raggiunto Kobane, città curda sotto assedio, si cala da un elicottero sul monte Sinjar e trascorre tre settimane tra gli abitanti che lottano per la propria vita. Filma la resistenza all’Isis dall’interno, restituendone una visione straordinariamente drammatica e attuale.

La domenica pomeriggio, dalle 18, è Art&doc, con proiezioni che documentano i fermenti artistici nei tanti sud, introdotte dai registi che saranno presenti in sala: dal rap dei ragazzi dell’istituto penale minorile di Bologna, diretti da Agnese Mattanò nel docu-clip Prove Costituenti, alla breakdance e la street art di Break the siege, girato in Palestina da Giulia Gioirgi durante uno scambio culturale con la comunità hip hop locale.

Il Festival prosegue per altri due week end, con i documentari del Terra di Tutti Film Festival, partner d’eccezione, e l’intervento de La Terra Trema su OGM e agricoltura biologica. A conclusione del Festival, domenica 20 marzo, il documentario Dakar Arte persona di Massimo Luconi.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER

archivio