Giovedì, 27 febbraio 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
AGROALIMENTARE-ENOGASTRONOMIA

Associazione LogoSiena: ''La casa del cibo e della salute''

Bookmark and Share
logosiena650"Quando parliamo di cibo capita spesso che il discorso cade sulle cose che fanno male: "questo alza la pressione, oppure alza il colesterolo, quello fa male al fegato..." scordandoci, noi che viviamo nelle terre di Siena, della bontà dei nostri prodotti e di quanto possono giovare alla salute". Così l'inizio di un intervento dell'associazione LogoSiena.

"Pensiamo al pane che in Toscana ha ricevuto il riconoscimento DOP, il nostro pane "sciocco", senza sale, lievitato con lievito madre, che non provoca una seconda lievitazione nel nostro organismo, che rimane fresco e buono per alcuni giorni e quando è raffermo si usa per preparare ottimi piatti come la ribollita, la pappa o la panzanella. Pensiamo all'olio extravergine di oliva che viene prodotto e contiene i fitosteroli utili a diminuire il tasso di colesterolo aiutando la prevenzione nelle malattie cardiache, l'aterosclerosi e l'ictus. Pensiamo infine ai prodotti di eccellenza senese quali il vino, i formaggi, la carne chianina, la cinta senese ed i dolci.

La coltivazione e produzione di questi ed altri prodotti avviene in un contesto unico per paesaggi, arte, natura, piccoli borghi esclusivi. Perchè non valorizzare ancora di più queste ricchezze creando un nuovo sviluppo basato sull'attivazione di piccole e medie imprese, a partire dalle start-up, riunite in un unico polo che colleghi i comparti agro-alimentare, artistico, turistico, enogastronomico. Perchè non riunire tutte le aziende operanti in questo settore e svilupparne altre, in modo che il cittadino ed il turista comprendano che quello che è offerto non è buono solo perchè quell'azienda lavora bene, ma anche perchè c'è una cultura diffusa del cibo che fa bene, un'attenzione che fa si che la nostra campagna sia ancora come quella nel Buon Governo. Il consumatore è in cerca di prodotti sani, genuini e di buona qualità e allo stesso tempo vuole conoscere che cosa mangia quando si mette a tavola, a partire dalla provenienza delle materie prime utilizzate e noi abbiamo la possibilità di farlo entrare in un contesto completo di storia, arte, produzione agricola, lavorazione.

In questa direzione a Siena e provincia molto è stato fatto e siamo ai primi posti sul piano qualitativo, molto c'è ancora da fare al fine di acquisire nuovi mercati e potenziare quelli in cui siamo presenti.

L'idea di un polo agroalimentare delle Terre di Siena può rappresentare il motore per un nuovo e più accentuato sviluppo del territorio; certo vanno fornite risposte istituzionali alle imprese, favorire le start-up, il tutto in armonia con le organizzazioni professionali, consorzi turistici, di promozione e tutela dei prodotti e tutte le altre forme che operano nei comparti.

Il Polo o casa agro-alimentare potrebbe avere un info point nei bastioni della Fortezza Medicea senese, o in alcuni edifici dismessi all'interno della città. Potrebbe diventare il luogo di prima accoglienza in cui i cittadini e turisti si orientano con le indicazioni sulle società che operano nel settore, sulle degustazioni, sui ricevimenti, sulle mostre di fotografi e di giovani artisti sul tema e potrebbe essere anche la sede dove si formano le nuove start-up.
Il comparto dei dolci senesi, che va perdendo la sua artigianalità locale per l'incremento di lavorazioni industriali, potrebbe costituire un primo campo di prova in cui i "vecchi" pasticceri insegnano ai giovani e le strutture forniscono le indicazioni per aprire nuove attività.

L'università potrebbe essere coinvolta nel progetto dal momento che alcuni gruppi di ricerca sono attivi nella valorizzazione del pane, della birra ed altro, come mostrato durante la "notte dei ricercatori".
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200

Viaggi nel Mondo - Itinerario di viaggio in Francia: sbarco in Normandia

rouen300
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio