Sabato, 18 gennaio 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
PROVINCIA

I Carabinieri sospendono attività di cantiere edile pubblico per varie irregolarità

Bookmark and Share
carabinieri-cantiere650I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Siena con l’ausilio dei colleghi della locale Stazione, hanno ispezionato nel sud della provincia senese un cantiere edile pubblico relativo a una scuola dell’infanzia. I lavori commissionati dal Comune riguardano il consolidamento sismico della struttura. Gli accertamenti hanno consentito di rilevare gravi violazioni in materia di sicurezza nell’esecuzione dei lavori, sia a carico della ditta appaltatrice nonché delle altre società operanti nel cantiere in aggiunta alla committenza. Nello specifico le violazioni attengono a:

- inosservanze inerenti alla presenza di un’impalcatura priva di tutela dalle cadute dall’alto;
- pregiudicata sicurezza della viabilità di cantiere, in quanto veniva consentito il passaggio all’interno dell’area interessata ai lavori da parte di utenti esterni per attività complementari a quelle in corso (fornitori della mensa scolastica e svolgimento del servizio scuolabus) e di quelle relative allo svolgimento delle attività d’insegnamento;
- l’omessa redazione del POS (Piano Operativo della Sicurezza) da parte di una ditta ivi presente;
- inadempienza nelle comunicazioni autorizzative di conferimento dei lavori alle ditte operanti.

E' stata interessata da contestazioni anche la Committenza per omesso controllo tecnico-professionale delle ditte esecutrici, analoga responsabilità è in fase di accertamento in capo al coordinatore in fase di esecuzione. Saranno comminate ammende fino a euro 26.000. Sono state sospese le lavorazioni in corso e consentite solo quelle utili al ripristino delle condizioni di sicurezza del cantiere.
 
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round
sienafreewhatsapp300X200

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio