Giovedì, 19 settembre 2019
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
PROVINCIA

Le proposte del Pd di Colle per ripartire, Stefano Nardi: ''Recuperare il rapporto con la società colligiana, ma dobbiamo fare autocritica''

Bookmark and Share
stefanonardi2017“La nostra priorità è recuperare il consenso con la società colligiana, ricca di esperienze civiche da valorizzare e sostenere, anche attraverso specifiche proposte in consiglio”. Così Stefano Nardi, nel suo documento congressuale, sostiene che dovrà operare il Partito Democratico colligiano. Nardi, capogruppo del Pd in Consiglio Comunale, è stato eletto, come candidato unitario, segretario dell’Unione Comunale del Partito Democratico di Colle Val D’Elsa e intende ricostruire il partito partendo proprio dall'ambito locale.

“La Lista Civica Su per Colle” secondo Nardi “aveva suscitato grandi aspettative in coloro che vi avevano riposto fiducia, tuttavia oggi ci sembra che esse siano state disattese e occorre rilevare come alcune delle valutazioni critiche di cui si era fatta portavoce non sembrano essersi rivelate fondate. Infatti” continua “L’attuale maggioranza ha dimostrato una visione strategica di governo limitata e di aver raramente elaborato proposte su temi di fondamentale importanza come quello economico, quello sociale, quello ambientale”.

Per fare questo, secondo il Segretario, il Pd non può ripartire se non da un processo di autocritica. “Si è sottovalutato” dice “quanto la nostra città sia cambiata negli ultimi 15 anni e di conseguenza non siamo stati capaci di capire i bisogni e le esigenze di una parte completamente nuova della città con cui non avevamo più rapporti. È tempo" conclude  "di prendere atto degli errori commessi e di assumerci ognuno le nostre responsabilità, ponendo fine al tempo stesso alle lotte interne e a inutili dissapori interni".
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER

archivio