Domenica, 17 novembre 2019
Banner
Banner
SALUTE E BENESSERE

Siena e Cina unite nel segno della Clownterapia

Bookmark and Share
Viceprimari del Sichuan Hospital e Yaan Peeple’s Hospital si formano all’Azienda ospedaliero-universitaria Senese

clownterapia-cinesiUmanizzare le cure, provare a rendere l’ambiente ospedaliero più allegro e amichevole, portare un po’ di sorrisi in reparto. Sono questi, in sintesi, gli obiettivi della clownterapia, protagonista all’Azienda ospedaliero-universitaria Senese di una sessione di formazione dedicata a viceprimari e infermieri cinesi del Sichuan Provincial People’s Hospital (struttura da 4300 posti letto) e Yaan People’s Hospital (3200 posti letto). Si è tenuto infatti a Siena un corso di formazione dedicato alla clownterapia e che ha visto la partecipazione come istruttore di Riccardo Cavallo, presidente dell’Associazione Nazionale dei clown di corsia VIP-APS, realtà all’interno di VIP Italia che conta 59 associazioni tra cui anche NASI VIP Siena.

“Grazie al progetto di collaborazione internazionale tra Siena e la Cina – spiega Loriana Bocci, responsabile Ufficio Rapporti Internazionali AOU Senese - avviato da circa 8 anni, alcuni ospedali cinesi, dopo aver visto gli ottimi risultati raggiunti a Siena con la clownterapia, hanno esportato questo modello e condiviso con altre strutture l’importanza del progetto. L’obiettivo del corso di formazione, per il quale l’AOUS ha fatto da trait d’union, è proprio quello di formare tanti altri medici e infermieri cinesi alla terapia del sorriso. Inoltre tutto ciò è stato possibile grazie alla perfetta sintonia e alla piena disponibilità dell’Associazione Nasi Vip di Siena e anche dell’ASP che ha messo a disposizione, a titolo gratuito, i locali per lo svolgimento del corso”.
 
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

MESSAGGIO AGLI UTENTI DEL SERVIZIO WHATSAPP

Da una 15ina di giorni non è più attivo il nostro servizio di invio notizie su whatsapp in quanto l'azienda ha bloccato il nostro numero. Dopo numerose richieste per capire il motivo ci hanno risposto, dopo 10 giorni, adducendo una presunta "violazione dei termini del servizio" specificando la vendita di prodotti non consentiti. Ora, inviando SOLAMENTE notizie, e avendo letto la corposa lista delle vendite vietate per cercare di capire un motivo per tale violazione, deduciamo che, per qualche geniale algoritmo di qualche geniale software, articoli tipo "arrestato spacciatore di cocaina" vengano considerati come vendita... ma ripetiamo, sono solo deduzioni che facciamo. Avendo spiegato nei dettagli il tutto al dis-servizio assistenza abbiamo ricevuto zero risposte e il numero è tuttora bloccato. Siamo dispiaciuti per la situazione e ci scusiamo con i 3.000 utenti del servizio soprattutto per non poter avvertire direttamente a causa del blocco del numero. Speriamo che quanto prima la situazione sia chiarita in modo da poter ripristinare il servizio. Grazie mille.

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio