Venerdì, 22 novembre 2019
Banner
Banner
SIENA

Arci Siena su regolamento antifascista: ''Atto che rafforza la cultura civile''

Bookmark and Share
Serenella Pallecchi, presidente Arci provinciale, saluta l’approvazione dell’atto in consiglio comunale

serenellapallecchi2018“Il regolamento antifascista conferma e rafforza la cultura democratica e civile che, da sempre, caratterizza la città di Siena e trova nella nostra associazione un interlocutore sempre pronto a impegnarsi per tutelare i valori fondanti della nostra Costituzione”. Con queste parole Serenella Pallecchi, presidente dell’Arci provinciale di Siena saluta con soddisfazione, a nome dell’associazione, l’approvazione da parte del consiglio comunale di Siena del regolamento che disciplina la concessione di spazi pubblici vietando comportamenti riconducibili alla riorganizzazione del disciolto partito fascista o altre forme di discriminazione.

“L’Arci provinciale di Siena - continua Pallecchi - ha seguito con attenzione il percorso che ha portato al regolamento, a partire dalla giornata di raccolta delle firme il 22 aprile 2016. Ieri, finalmente, l’atto ha visto la sua approvazione con voto unanime dei presenti nella seduta del consiglio comunale, dopo il rinvio delle scorse settimane. Oggi salutiamo positivamente il regolamento e rinnoviamo la nostra disponibilità a fare rete con altri soggetti, in primis l’Anpi, per promuovere iniziative e progetti tesi a tutelare e valorizzare principi che sono alla base della Carta costituzionale e della nostra associazione, quali democrazia, uguaglianza e libertà, cercando di coinvolgere sempre più i territori e le comunità, a partire dalle scuole”.
 
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

MESSAGGIO AGLI UTENTI DEL SERVIZIO WHATSAPP

Da una 15ina di giorni non è più attivo il nostro servizio di invio notizie su whatsapp in quanto l'azienda ha bloccato il nostro numero. Dopo numerose richieste per capire il motivo ci hanno risposto, dopo 10 giorni, adducendo una presunta "violazione dei termini del servizio" specificando la vendita di prodotti non consentiti. Ora, inviando SOLAMENTE notizie, e avendo letto la corposa lista delle vendite vietate per cercare di capire un motivo per tale violazione, deduciamo che, per qualche geniale algoritmo di qualche geniale software, articoli tipo "arrestato spacciatore di cocaina" vengano considerati come vendita... ma ripetiamo, sono solo deduzioni che facciamo. Avendo spiegato nei dettagli il tutto al dis-servizio assistenza abbiamo ricevuto zero risposte e il numero è tuttora bloccato. Siamo dispiaciuti per la situazione e ci scusiamo con i 3.000 utenti del servizio soprattutto per non poter avvertire direttamente a causa del blocco del numero. Speriamo che quanto prima la situazione sia chiarita in modo da poter ripristinare il servizio. Grazie mille.

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio