Lunedì, 18 novembre 2019
Banner
Banner
ARTE, SCIENZA E CULTURA

Vincolo di collezione sul patrimonio artistico della Banca MPS, Sena Civitas: ''Ora tutti salgono sul carro''

Bookmark and Share
senacivitas450"A fronte del nostro comunicato inviato il 21 u.s. apprendiamo con stupore che il candidato Pierluigi Piccini, solitamente attento, soprattutto a ottenere ruoli personali, si attribuisce anche il merito di essere colui che ha sostenuto per primo il vincolo di collezione sulle opere d’arte del Monte dei Paschi." Così una nota di Sena Civitas.

"Come lui altri che non hanno fatto assolutamente nulla, cercano di salire sul carro. Per fortuna i comunicati e le e-mail inviate da noi anche al Ministero parlano e lasciano tracce inequivocabili. Un lavoro paziente di anni che ha visto Sena Civitas prendere contatti e lavorare per ottenere un risultato. Non sappiamo se tutti, all’interno della Soprintendenza, fossero favorevoli, come lo è stata la Soprintendente, alla nostra proposta articolata inerente il vincolo di collezione che inviammo ai giornali il 27 ottobre 2017, che poi è stata adottata ed ha portato ai risultati. Un vincolo di collezione pertinenziale alla sede storica della Banca, sulla base di una attenta lettura del codice dei beni culturali che distingue fra patrimonio pubblico e patrimonio privato e che quindi ha imposto per la SpA MPS un “vincolo con decreto ministeriale”, a differenza “dell’Ente” Fondazione MPS verso la quale il vincolo è de jure.

Per chi ha memoria corta ricordiamo comunque le date di alcuni comunicati inviati ed in particolare la lettera aperta in cui si sollecita l’iter per il vincolo di collezione per le opere d’arte della Banca Monte dei Paschi, trasmessa alla Dott.ssa Caterina Bon Valsassina della Direzione Generale Archeologica, Belle Arti e Paesaggio – Roma -.

Forse tutto questo si giustifica solo considerando il momento cruciale dell’inizio della campagna elettorale per il rinnovo dell’amministrazione cittadina in cui vari attori, pur avendo o avendo avuto una certa tessera in tasca, non riescono, come nel passato, a garantirsi rinnovi agognati o ruoli strapagati".
 
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

MESSAGGIO AGLI UTENTI DEL SERVIZIO WHATSAPP

Da una 15ina di giorni non è più attivo il nostro servizio di invio notizie su whatsapp in quanto l'azienda ha bloccato il nostro numero. Dopo numerose richieste per capire il motivo ci hanno risposto, dopo 10 giorni, adducendo una presunta "violazione dei termini del servizio" specificando la vendita di prodotti non consentiti. Ora, inviando SOLAMENTE notizie, e avendo letto la corposa lista delle vendite vietate per cercare di capire un motivo per tale violazione, deduciamo che, per qualche geniale algoritmo di qualche geniale software, articoli tipo "arrestato spacciatore di cocaina" vengano considerati come vendita... ma ripetiamo, sono solo deduzioni che facciamo. Avendo spiegato nei dettagli il tutto al dis-servizio assistenza abbiamo ricevuto zero risposte e il numero è tuttora bloccato. Siamo dispiaciuti per la situazione e ci scusiamo con i 3.000 utenti del servizio soprattutto per non poter avvertire direttamente a causa del blocco del numero. Speriamo che quanto prima la situazione sia chiarita in modo da poter ripristinare il servizio. Grazie mille.

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

archivio