Martedì, 23 aprile 2019
Banner
Banner
ARTE E CULTURA

L’albero genealogico dei Piccolomini: considerazioni storiche, iconografiche e araldiche

Bookmark and Share
Mercoledì 27 marzo all'Archivio di Stato di Siena

piccolomini-alberogenealogicoIl grandioso albero genealogico, eseguito su disegno di Antonio Ruggeri (attivo 1642-1685) dall’incisore tedesco Georg Widmann (attivo 1666-1685) e dato alle stampe nel 1685, presenta la sintesi della storia familiare nella parte bassa della stampa. L’albero genealogico familiare elaborato con le “descendenze … della famiglia Piccolominea ristretta alli soli stipiti de i viventi ne l’anno 1683” è circondato da 311 stemmi appartenenti alle famiglie che con i Piccolomini avevano allacciato, fino a quella data, alleanze matrimoniali.

L'albero, conservato presso l’Archivio di Stato di Siena, è lo spunto per un pomeriggio di approfondimento sulle fonti iconografiche per la ricostruzione degli aspetti genealogici ed araldici, ma anche della storia cittadina e del territorio in epoca rinascimentale e preindustriale. L'iniziativa è organizzata all'interno del ciclo di conversazioni promosse dall'Archivio di Stato come approfondimento  di fonti documentarie, fondi archivistici o aspetti particolare della storia dell'Archivio, in collaborazione con docenti e ricercatori dell'Università degli Studi di Siena,  studiosi ed appassionati della storia di Siena.

Intervengono: Roberta Mucciarelli, docente di Storia medievale dell’Università degli Studi di Siena "I Piccolomini di Siena: l’ascesa di una famiglia di mercanti (XIII-XIV secolo)": Roberto Farinelli, docente di Epigrafia medievale dell’Università degli Studi di Siena "Ai piedi dell’Albero: una fonte per lo studio di città e castelli del Senese"; Giovanni Maccherini "Considerazioni e note di araldica".

Ingresso gratuito
 
sienafreewhatsapp2

GUARDA ANCHE


SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round
300x250_estra_19marzo2019

ESTRA NOTIZIE

fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER