Mercoledì, 1 aprile 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
ARTE, SCIENZA E CULTURA

''Generazione Bauhaus'', a Siena la mostra dedicata alla scuola di Weimar

Bookmark and Share
generazionebauhaus1“Generazione Bauhaus” è dedicata al centenario della nascita della famosa scuola di Weimar (Germania) nel 1919, in contemporanea con grandi manifestazioni internazionali dedicate a questo evento. Il Bauhaus fu una scuola di architettura, design ed arti applicate, attiva fra le due guerre mondiali, che in poco tempo si trasformò in una forma di linguaggio espressivo unico e quasi mitico. Il movimento, che ha creato dal nulla uno stile all’avanguardia, compie 100 anni ma, ancora oggi, Bauhaus è sinonimo di purezza, modernità e fonte di ispirazione.

In collaborazione con la città di Weimar e la Bauhaus-Universität Weimar, il centenario offre l'opportunità di imparare e lavorare insieme. È un invito a cercare e proporre soluzioni a domande contemporanee nella ricerca e nell'arte, nell'insegnamento e nello studio, e offre slancio per un nuovo inizio e nuove sfide, proprio nello stesso spirito del Bauhaus del 1919.

“E' un onore avere qui oggi (ieri, ndr) il sindaco di Weimar, Peter Kleine - ha detto il sindaco Luigi De Mossi – Questa è una nuova stagione per il nostro gemellaggio e sarà sempre più proficua la collaborazione tra le città di Siena e Weimar. Come Siena, Weimar è una città ricca di storia e cultura. L'inaugurazione di questa mostra è solo l'inizio di un lungo cammino che porterà Siena ad avere sempre più rapporti con l'Europa per condividere nuove idee ed il messaggio di indipendenza e libertà”.

Per l'occasione, il Comune di Weimar, gemellato da 25 anni con il Comune di Siena e l'Università Bauhaus hanno messo a disposizione della città una ricostruzione in forma ridotta, di un un cubo di vetro, della Direktorenzimmer, l’ufficio che Walter Gropius aveva disegnato come sua stanza ideale al Bauhaus di Weimar. L'opera è stata allestita all'esterno del Santa Maria della Scala.

Inoltre, in esposizione, nella Sala San Pio, una selezione di oggetti d’arredo che attraversano l’arco di tempo che va da fine Ottocento fino agli anni Cinquanta del Novecento, in un percorso che muove dallo stile Arts & Crafts, passando per il Bauhaus fino al New Bauhaus americano. Opere di design di grande eleganza formale, che attraversano il tempo, oltre i condizionamenti delle mode e delle tendenze.

Presenti all'inaugurazione il sindaco di Weimar Peter Kleine, la professoressa Julia Kleine dell'Università Bauhaus che ha creato il cubo di vetro, della Direktorenzimmer e Barbara Lisi, curatrice della mostra.

Il vernissage è stato aperto da brani di Johann Sebastian Bach eseguiti da solisti del Conservatorio Franz Liszt di Weimar.

“Generazione Bauhaus” sarà visitabile fino al 2 marzo 2020 al Santa Maria della Scala.



generazionebauhaus2Storia del Bauhaus

La Bauhaus di Stato fu fondata a Weimar nell'aprile del 1919. I suoi precursori erano la Grand Ducal Art School fondata dal Granduca di Sassonia-Weimar-Eisenach Charles Alexander nel 1860 e la Grand Ducal Vocational Arts School fondata nel 1907. Il loro direttore, il belga il pittore, architetto e interior designer Henry van de Velde, progettò i due edifici centrali che ancora oggi ospitano l'università. Quando Van de Velde dovette lasciare la Germania durante la prima guerra mondiale, propose l'architetto Walter Gropius come suo successore. Quest'ultimo ha successivamente fondato la nuova scuola di design dopo la guerra. Il Bauhaus rimase a Weimar fino al 1925 quando si trasferì a Dessau. Ciò accadde principalmente per ragioni politiche: nell'ambiente nazionalista di Weimar, aumentarono gli attacchi a questa scuola di riforma orientata a livello internazionale, con i suoi insegnanti sicuri di sé, con idee radicali e metodi di insegnamento innovativi.
Solo una scuola di costruzione, costruita nel 1926, rimase a Weimar. Durante l'era della RDT, fu proseguita come Università di Architettura e Ingegneria Civile. Fu ampliata dopo la caduta del muro di Berlino nel 1989/90 e, nel 1996, fu fondata la Bauhaus-Universität Weimar. Con le sue quattro facoltà di architettura e urbanistica, ingegneria civile, arte e design e media, la nuova università si è concentrata su equilibrio e cooperazione: mentre la diversità e l'eccellenza disciplinare sono alla base, terreno comune e cooperazione interdisciplinare definiscono il focus e la visione.
Mentre il nome »Bauhaus« alludeva al »Bauhütten« - le corporazioni di commercianti che lavoravano insieme per la costruzione delle grandi cattedrali gotiche in epoca medievale - i fondatori del Bauhaus certamente non guardarono indietro. Volevano piuttosto un nuovo inizio radicale. Alcuni provenivano dal movimento sociale Lebensreform (letteralmente, riforma della vita) del volgere del secolo o erano appartenuti all'Associazione tedesca degli artigiani (Deutscher Werkbund) prima della prima guerra mondiale, come nel caso di Gropius. Quest'ultima associazione di artisti, architetti, designer e industriali ha cercato di conciliare artigianato e industria e di contribuire al raffinamento della produzione meccanica attraverso l'arte. Dopo la prima guerra mondiale, molti di loro erano attivi all'interno del Consiglio dei lavoratori per l'arte (Arbeitsrat für Kunst). Gli artisti hanno cercato di connettersi con il movimento dei consigli attraverso questa unione. Speravano di poter contribuire alla riorganizzazione della politica e della cultura in Germania lavorando alla risoluzione dei compiti sociali dell'epoca.
L'architettura e l'arte non erano viste solo come strumenti di politica sociale, ma anche come semi di un nuovo inizio. L'obiettivo era una società riformata che superasse le fessure sociali del capitalismo e della povertà postbellica e scoprisse il suo senso di comunità, ad esempio attraverso città ideali di nuova concezione. Tutti i mestieri e le discipline, i tecnici, gli artigiani, gli artisti e gli architetti avrebbero dovuto lavorare insieme per creare un cosiddetto "Gesamtkunstwerk" (ovvero un'opera d'arte complessiva

Personalità

Il Bauhaus di Stato del 1919 fu modellato da personalità e voleva modellare le personalità. Oltre alle tecniche, insegnava anche carpenteria, tessitura, ceramica, lavorazione dei metalli, pittura murale, pittura su vetro e molto altro. Soprattutto, tuttavia, ha insegnato approcci alle domande del tempo. Come le persone, in quanto esseri sociali, possono ridisegnare il loro ambiente e la loro coesistenza nell'era della macchina, cosi possono essere creati nuovi contenuti, i valori trasmessi e la coesione sociale raggiunta attraverso la forma e lo stile - queste sono state alcune delle domande a cui i maestri Bauhaus si sono dedicati.
Qui ha lavorato un'insolita combinazione di designer e artisti. Questo andava dallo stesso Gropius, che voleva progettare il modernismo come regista e architetto, attraverso Lyonel Feininger, Walter Kandinsky, Oskar Schlemmer e Paul Klee al pittore Johannes Itten, che si era appena allontanato dal modernismo per cercare ispirazione nei concetti dell'Estremo Oriente . Simile ad altri movimenti di riforma radicale dell'epoca, gli insegnanti del Bauhaus volevano davvero creare un "Neuer Mensch" (letteralmente, nuovo essere) - o, per essere precisi, un tipo di umano che potesse sopravvivere alle condizioni della modernità.

Opere

Il Bauhaus non si occupava solo della riconciliazione di artigianato, arte e industria, ma anche di un design funzionale oggettivo della vita quotidiana, edifici, mobili e oggetti di uso quotidiano. Il modulo dovrebbe essere appropriato alla funzione, evitare ornamenti e trovare la rispettiva soluzione di progettazione specifica e adeguata al compito. Inizialmente questo era raramente commercialmente redditizio. Tuttavia, alcune opere attribuite al Bauhaus, come la lampada da tavolo Wagenfeld e la sedia a sbalzo, da allora sono diventate famose e oggi sono spesso adattate e replicate. E così, hanno vissuto e sono entrati nella cultura di tutti i giorni, ai giorni nostri e in tutto il mondo. Per questo il Bauhaus divenne un modello transnazionale durante il periodo tra le due guerre.
Molti rappresentanti del Bauhaus furono costretti a lasciare la Germania quando i nazionalsocialisti salirono al potere nel 1933. Le loro idee e il loro lavoro emigrarono in tutto il mondo con loro, furono presi e usati in condizioni diverse e in altri luoghi da cui influenzarono ancora una volta la Germania e Weimar .

Sede

La fondazione del Bauhaus è indissolubilmente legata alla città di Weimar e allo stesso tempo legata agli edifici di Henry van de Velde, che oggi fanno parte del patrimonio culturale mondiale. Nuovi strati sono stati sovrapposti dal 1919 sia a Weimar che negli edifici universitari e la città del classicismo si è evoluta in una città della modernità. Questi includono la convocazione dell'Assemblea nazionale tedesca nel febbraio 1919, il »Gauforum« costruito durante il Terzo Reich che rimane incompiuto e gli edifici dell'era della RDT (prima di tutto, la residenza studentesca »Jakobsplan« soprannominata »Lange Jakob« ) nonché il confronto con il vicino campo di concentramento di Buchenwald e il controverso Memoriale di Buchenwald.
Cosa significa oggi questo passato per la Bauhaus-Universität Weimar? L'università rappresenta anche una società contemporanea coerente e radicale, competenze specialistiche e cooperazione interdisciplinare, radici locali e apertura internazionale, consapevolezza storica e nuovi inizi continui, desiderio di esplorare, apprendere e modellare. Oggi non crediamo più alle promesse di un »Gesamtkunstwerk« (opera d'arte generale) o alla creazione di un »Neuer Mensch« (nuovo essere). Tuttavia, la Bauhaus-Universität Weimar rimane impegnata nel coraggio e nel radicalismo della Bauhaus storica fino ad oggi. Continua a scrivere la storia, senza ripeterla, nel luogo di nascita del Bauhaus abbracciando il presente.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

CORONAVIRUS - 10 comportamenti raccomandati dal Ministero della Salute

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK