Sabato, 16 novembre 2019
Banner
Banner
PROVINCIA - CASTELLINA IN CHIANTI

Truffa dello specchietto: la vittima riconosce il truffatore dalle foto segnaletiche dei Carabinieri

Bookmark and Share
specchietto-auto-truffa650Nella giornata di ieri, giovedì 4 luglio, a Castellina in Chianti, i militari della locale Stazione Carabinieri, a conclusione di un’attività d’indagine scaturita a seguito della denuncia-querela presentata da un 58enne imprenditore tedesco in vacanza nel Chianti, hanno denunciato in stato di libertà per truffa aggravata un 34enne residente in provincia di Roma, commerciante ambulante con precedenti analoghe denunce a carico.

Lo straniero era caduto nel famigerato tranello della cosiddetta truffa dello specchietto. Transitando lungo la SS 222, in località Monastero, nell’affiancare una VW Golf mal parcheggiata a bordo strada, aveva udito un botto (provocato dal lancio di un sassolino da parte del malfattore) sulla fiancata della propria autovettura.

Dopo essersi fermato, il tedesco era stato raggiunto dal truffatore che lo aveva accusato di avergli provocato la rottura dello specchietto retrovisore. Dopo un breve conciliabolo, condito dalle vivaci rimostranze dell’impostore, il 58enne aveva infine consegnato al malfattore 300 euro in contanti a risarcimento del presunto danno.

Solo dopo qualche minuto la vittima si è resa conto di essere stata ingannata, recandosi alla più vicina Stazione dei Carabinieri per denunciare i fatti e procedere a querela nei confronti dello sconosciuto. I Carabinieri di Castellina gli hanno esibito un album contenente le foto di numerosi soggetti che già in passato si erano resi protagonisti di analoghe vicende e fra queste il tedesco riconosceva senza ombra di dubbio la persona denunciata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siena.
 
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

MESSAGGIO AGLI UTENTI DEL SERVIZIO WHATSAPP

Da una 15ina di giorni non è più attivo il nostro servizio di invio notizie su whatsapp in quanto l'azienda ha bloccato il nostro numero. Dopo numerose richieste per capire il motivo ci hanno risposto, dopo 10 giorni, adducendo una presunta "violazione dei termini del servizio" specificando la vendita di prodotti non consentiti. Ora, inviando SOLAMENTE notizie, e avendo letto la corposa lista delle vendite vietate per cercare di capire un motivo per tale violazione, deduciamo che, per qualche geniale algoritmo di qualche geniale software, articoli tipo "arrestato spacciatore di cocaina" vengano considerati come vendita... ma ripetiamo, sono solo deduzioni che facciamo. Avendo spiegato nei dettagli il tutto al dis-servizio assistenza abbiamo ricevuto zero risposte e il numero è tuttora bloccato. Siamo dispiaciuti per la situazione e ci scusiamo con i 3.000 utenti del servizio soprattutto per non poter avvertire direttamente a causa del blocco del numero. Speriamo che quanto prima la situazione sia chiarita in modo da poter ripristinare il servizio. Grazie mille.

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK