Giovedì, 19 settembre 2019
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
PROVINCIA - CETONA

Cetona: migrazione e apertura al mondo con l’Atlante delle guerre e dei conflitti

Bookmark and Share
La nuova edizione presentata ai ragazzi dell’Istituto Comprensivo con il direttore dell’Atlante, Raffaele Crocco

atlantedelleguerreedeiconflitti650vUna mattina di riflessione sulle guerre nel mondo e sul fenomeno della migrazione alla ricerca di una vita migliore. E’ quella che ha coinvolto gli studenti dell’Istituto Comprensivo di Cetona con la presentazione della terza edizione dell’”Atlante delle guerre e dei conflitti” del mondo in compagnia di Raffaele Crocco, giornalista Rai per anni inviato a coprire conflitti in tutto il mondo, tra i fondatori di Peacereporter e oggi direttore dell’Atlante, di cui è stato anche l’ideatore. L’appuntamento è stato promosso nell’ambito del protocollo tra Regione e Anci Toscana dal Comune di Cetona e dall’associazione Euro-African Partnership for Decentralized Governance Onlus, a cui l’amministrazione comunale cetonese ha aderito lo scorso 29 ottobre.

L’incontro si è inserito all’interno del progetto “Apri il tuo mondo al mondo”, promosso dal Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze, e ha permesso agli alunni della scuola secondaria di primo grado e a una rappresentanza della scuola primaria di ascoltare dalle parole di un giornalista impegnato sul campo la terribile analisi dei numeri legati alle guerre, presenti attualmente in 35 Paesi sui 194 del mondo. Alla testimonianza di Raffaele Crocco, che ha usato un linguaggio adeguato e coinvolgente, si unirà, nel corso dell'anno, la riflessione sulle famiglie e i tanti ragazzi in attesa di asilo politico, anche sul territorio italiano e toscano, stimolando una crescente attenzione sull’importanza di guardare oltre i confini locali e nazionali e di capire i motivi delle migrazioni o dell’innalzamento di tanti muri con forme diverse di discriminazione.
 
L’Atlante delle guerre e dei conflitti è un annuario dei conflitti ancora attivi nel mondo che cerca di spiegarne le ragioni con foto e illustrazioni narrate nelle cosiddette “schede conflitto” suddivise per continente, con cartografia Onu, tavola riassuntiva della situazione profughi e sintesi dei dati del territorio. Le schede sono curate da giornalisti di varie testate italiane e hanno, in premessa, un rapporto di Amnesty International sulla stato dei diritti civili e umani e i rapporti sulle missioni Onu in corso, sulla situazione della tutela dei beni artistici e ambientali distrutti dalla guerra a cura di Unesco, e sulla situazione dei profughi e rifugiati a cura di Unhcr.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER