Martedì, 22 settembre 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
PROVINCIA - CHIANCIANO TERME

''Echoes'', duello al tavolo del potere nello spettacolo acclamato a Londra e New York in scena al Teatro Caos di Chianciano

Bookmark and Share
echoesCon un nuovo e appassionante appuntamento continua la ricca stagione teatrale organizzata da LST al Teatro Caos di Chianciano Terme dove sabato 25 gennaio - ore 21.15 - va in scena il thriller fantapolitico Echoes.

Dopo il grande successo di esordio al Fringe Festival di Edimburgo, rinnovato al teatro Argot di Roma, al Teatro Elfo Puccini di Milano, e riscosso anche durante un tour internazionale che lo ha portato perfino al Tristan Bates Theatre di Londra e alla rassegna "In scena" di Manhattan, grazie alla preziosa direzione artistica di Manfredi Rutelli, Echoes arriva al Teatro Caos di Chianciano Terme.

Nato in un paio di notti dalla penna di Lorenzo De Liberato, il testo è stato messo magistralmente in scena dalla compagnia 369gradi con due ottimi attori: Marco Quaglia e Stefano Patti che ne firma anche l'asciutta e rigorosa regia, dall'impostazione quasi cinematografica.

In un futuro apocalittico, in cui la terra è divisa in grandi blocchi governativi, dove non esistono nè  la democrazia nè l'umanità come le conosciamo e le intendiamo oggi, lo sgancio di una bomba ha causato un milione di morti; il giornalista De Bois intervista l'autore della strage Echoes. I due protagonisti si contrappongono, per l'aspetto, la posizione e le argomentazioni  in un testa a testa serrato, dove le parole sono ora scagliate come pietre, ora ironiche e sottili, calibrate come colpi di fioretto, in un duello dialettico che si snoda tra i temi più scottanti ed attuali: politica ed economia internazionale, demografia, religione filosofia...

La coppia di attori mantiene alta la tensione, avvincendo lo spettatore nella disputa teorica, fremendo, in ogni istante di verità taciute o rivelate. E viene da chiedersi chi dei due è veritiero? Chi di loro ha ragione e chi torto?

“Quello che mi ha colpito del testo di Lorenzo De Liberato - spiega il regista Stefano Patti - è l’appassionata crudeltà con cui i due protagonisti si studiano, si attaccano, si divorano all’interno della griglia drammaturgica del “thriller”: un bunker, una crisi economica, un’intervista, uno sterminio. La ricchezza di temi come l’Amore, il Potere, l’Economia e la Religione presenti in Echoes permette un’analisi sull’uomo e sulle sue paure. La paura porta Ecohes a imporre il passaggio di testimone a De Bois: i due opposti diventano così tragicamente complementari. Il bunker, luogo affascinante e oscuro dove è ambientata la vicenda, rappresenta per me un ring, una scacchiera, un set televisivo dove avviene il massacro, principalmente dialettico. Diveniamo così spettatori di un urlo disperato dove l’unico interlocutore è una eco fredda e distaccata”.

ECHOES
di Lorenzo De Liberato, con Marco Quaglia e Stefano Patti, regia Stefano Patti, La voce di Nancy Babich è di Giordana Morandini, light designer Paride Donatelli, scenografia Barbara Bessi, costumi Marta Genovese, suono Matteo Gabrielli e Samuele Ravenna, live-set/aiuto regia Cristiano Demurtas, traduzione in lingua inglese Marco Quaglia, progetto grafico Simone Ferraro e Martina Mammola, foto Paolo Palmieri, teaser trailer Federico Falcioni, progetto sostenuto da Carrozzerie n.o.t., residenza produttiva 2015 Teatro Studio Uno, Presentato al Fringe Festival di Edimburgo 2017.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

''La sospensione di un attimo''

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK