Mercoledì, 17 luglio 2019
Banner
Banner
PROVINCIA - CHIUSI

Il Comune contrario ad eliminare la prima classe della primaria da Chiusi città

Bookmark and Share
Assessore Marchini: “Gestione scolastica drammatica. Il preside reggente si fermi immediatamente e parli con noi"

saramarchini2019“Abbiamo appreso dai genitori dei bambini iscritti alla futura classe prima della scuola primaria Edmondo De Amicis di Chiusi Città dell’Istituto Comprensivo Graziano da Chiusi, che è intenzione della scuola non formare la classe prima nel plesso del capoluogo." Questo l'intervento di Sara Marchini, assessore alla Scuola del Comune di Chiusi.

"Tale notizia ci lascia esterrefatti, per più aspetti. Nel gennaio scorso i genitori degli alunni interessati ricevono, per mezzo mail, la conferma dell’avvenuta iscrizione al modulo da 30 ore nel plesso di Chiusi Città, iscrizione registrata e confermata anche nel portale del MIUR. Come una doccia fredda il 5 luglio, invece, tutti i genitori sono stati nuovamente contattati telefonicamente e informati che la classe non verrà formata, ma che tutti i bambini iscritti alla prima classe di Chiusi Città avrebbero dovuto iscriversi al Tempo Pieno (40 ore settimanali) a Chiusi Scalo.

La scuola vuole obbligare, quindi, 15 famiglie a iscrivere i propri figli in un plesso diverso da quello prescelto e con un tempo scuola diverso, che non è adatto per tutti i bambini. Inoltre, la conferenza zonale dell’educazione e dell’istruzione, in accordo con le scuole, ha dato indicazione per il dimensionamento scolastico di Chiusi di formare per il prossimo anno scolastico tre classi prime: una a tempo pieno a Chiusi Scalo e due a tempo normale una a Chiusi Città e una a Chiusi Scalo, tre classi che sono state regolarmente concesse.

I numeri delle iscrizioni e il tempo scuola scelto dalle famiglie sono noti da mesi alla scuola e soltanto adesso ci si rende conto delle problematiche che sono nate per un’elevata richiesta di tempo pieno? Per quale motivo obbligare 15 famiglie a questa scelta che comporta oggettivamente anche più costi per le famiglie e un’organizzazione familiare diversa?

Tutte queste scelte sono fatte, inoltre, senza alcuna programmazione per i prossimi anni, non considerando gli spazi a disposizione nel plesso di Chiusi Scalo e non valorizzando il bel plesso di Chiusi Città e i suoi insegnanti. Come Comune faremo tutto il possibile, secondo le nostre capacità, affinché le famiglie possano vedere rispettata la propria scelta e che il plesso delle primarie di Chiusi Città non venga sminuito ed aggredito in questa assurda ed incompetente maniera.

La gestione scolastica di questo anno, in mano a questo dirigente “reggente”, è stata la più drammatica che si possa ricordare nella storia didattica di Chiusi. Il consiglio di istituto inerme e silenzioso non può e non deve acconsentire supino alla disfatta dell’istituzione scolastica di Chiusi, che sempre ha vantato elementi di eccellenza e che sempre è stata considerata punto di riferimento di tutta la zona. Prima di pensare a pirotecnici cambi di orario, prima di pensare alla settimana breve, si tuteli e si difenda il plesso di Chiusi Città, si tuteli e si difendano tutti i plessi chiusini nella loro diversificazione dell’offerta didattica, si tuteli e si difendano i sacrosanti diritti delle famiglie e si ascoltino le loro esigenze. Il Comune sarà al fianco delle famiglie e si farà sempre portavoce della loro difficoltà.”
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
fotostudiosiena