Giovedì, 23 settembre 2021
Banner
Banner
ECONOMIA E FINANZA

L’export della provincia di Siena nel 1° trimestre 2021

Bookmark and Share
Positivo segnale di recupero per l’economia provinciale

export scatolaLe esportazioni della provincia di Siena, sulla base dei dati pubblicati dall’ISTAT, si sono attestate nel primo trimestre del 2021 a 668 milioni di euro.

“Dal confronto con lo stesso trimestre dello scorso anno – sottolinea Anna Lapini, presidente vicario della Camera di Commercio di Arezzo-Siena - emerge che le vendite all’estero della provincia di Siena sono in deciso aumento (+31,8%), con un passo superiore a quello medio regionale (+11,3%). Le vendite estere del territorio senese rappresentano il 6 % del totale regionale rispetto al 5% del 2020 ed al 4,2 del 2019. Una crescita costante che ha permesso il pieno recupero delle perdite subite a causa della pandemia nel corso del 2020 ed un ulteriore progresso rispetto al periodo pre-covid.”

“Passando all’analisi settoriale dei principali settori – commenta il segretario generale Marco Randellini – in questo primo trimestre del 2021 sono stati i prodotti farmaceutici a conquistare i primato. Il comparto, ha proseguito nella crescita (+26,1%) iniziata nel 2020, attestandosi ad un contro valore esportato di oltre 185 milioni di euro. La Polonia (+68,1%) si conferma di gran lunga il primo mercato di riferimento con oltre 108 milioni di euro. Rallenta la Spagna (-20,9%), mentre i Paesi Bassi (+3191,7%) confermano gli elevati tassi di crescita osservati anche lo scorso anno. Il comparto della camperistica è il secondo settore di specializzazione dell’export senese: il 2021 inizia sotto i migliori auspici (+81,9%). Tutti i principali mercati di riferimento mostrano forti segnali di risveglio rispetto allo scorso anno. Cresce timidamente il fatturato estero delle bevande, in cui il vino rappresenta sicuramente la voce dominante: i primi tre mesi del 2021 registrano un export complessivo di 96 milioni di euro, in crescita del 3,5% rispetto al 2020. Ancora in affanno i mercati del Nord America: Stati Uniti (-13,5%) e Canada (-19,3%), insieme a quello britannico (-17,6%). In buona ripresa, invece, quelli europei.

Le esportazioni di macchinari – prosegue Marco Randellini - presentano una crescita del 22%. Tutti i principali mercati di sbocco hanno il segno positivo, con la sola eccezione della Romania (-18%). Spiccano, in particolare, le performance dell’Irlanda (+669,3%), della Polonia (+115,5%) e della Germania (+57,6%). Le esportazioni di prodotti chimici crescono nel trimestre di oltre 10 milioni di euro in termini assoluti e del +39,9% in termini relativi. In particolare la Danimarca, con un incremento del 164,7%, diventa il primo partner commerciale nel settore, superando la Francia che, al contrario, arretra del 18,6%. Infine i prodotti alimentari: la Germania, nonostante la flessione del 5,1%, si conferma primo mercato di sbocco dell’export senese, insidiata però da vicino dagli Stati Uniti che hanno registrato chiari segnali di ripresa (+121,9%). Un quadro quindi particolarmente positivo per l’export senese che fa ben sperare anche per i risultati dei prossimi trimestri che saranno ancora meno condizionati dalle misure, in decisa attenuazione, per il contrasto della pandemia.”
 
sienafreewhatsapp650x80sienafree telegram650x80
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round