Venerdì, 14 agosto 2020
Banner
Banner
sienafreewhatsapp650x80
ECONOMIA E FINANZA

Mps, Enrico Rossi: ''Può tornare ad essere grande banca a servizio del territorio''

Bookmark and Share
consiglio-regione-toscana450La banca Mps ce la farà. Ne è convinto il presidente della Toscana, che lancia un messaggio di fiducia ; e lo ripete più volte stamani nell’aula del consiglio regionale a Firenze, in una seduta straordinaria tutta dedicata alle vicende della banca senese. Se ne può uscire, dice Enrico Rossi che ai nuovi dirigenti dell’istituto concede piena fiducia. Stigmatizza le strumentalizzazioni che ci sono state e che hanno fatto pagare alla banca un prezzo assai più alto del dovuto. Mps non ha niente a che vedere, si sofferma ancora, con la crisi finanziaria delle banche spagnole o le difficoltà di istituti tedeschi e olandesi. Invita pertanto tutti a fare altrettanto, separando la politica dalle vicende dell’azienda.

Per il presidente della Toscana, e lo dice più volte, Mps è un’azienda sana, ben patrimonializzata,  che ha fatto credito in modo molto oculato, che aveva visto il titolo anche risalire prima delle ultime vicende, in grado di restituire il prestito ricevuto dallo Stato e che può dunque tornare ad essere una grande banca a servizio del territorio e della sua economia, tra le prime banche del Paese. Un’azienda importante della regione, dove lavorano parecchi lavoratori e con cui lavorano molte aziende. Questo interessa alla Regione. Se poi qualcuno ha commesso errori (e deve pagare), chiosa il presidente, lo dovranno stabilire altri: non la Regione o la politica, che al massimo può intervenire nel dibattito sulla necessità (o meno) di andare oltre la riforma Amato.

Derivati
Quanto ai derivati il presidente della Toscana ha chiarito nuovamente oggi in aula come la Regione abbia firmato con Mps, nel 2006, un solo contratto di swap: un innocuo “plain vanilla”, il cui rischio e i cui costi impliciti sono stati ritenuti nel 2011 dalla società di consulenza Martingale Risk Italia assolutamente accettabili. Niente di che spartire, sottolinea, con quelle “salsicce” che la crisi internazionale ha svelato che possono contenere titoli ad alta tossicità. La Regione ha agito da subito e in maniera rigorosa a tutela della finanze pubbliche, controllando e monitorando.
Quello con Mps è uno dei 22 contratti di derivati stipulati dal 1999 al 2006. Tutti e 22 coprivano un anno e mezzo fa circa un terzo del miliardo o poco più di debito contratto complessivamente dalla Regione. Per alcuni derivati è stata intrapresa una procedura di annullamento in autotutela. Non è il caso dell’ Mps – 35 milioni circa il valore del contratto – che è invece servito, tranquillizza il presidente della giunta, per trasformare un vecchio mutuo da tasso variabile a tasso fisso, pagando oggi (fino al 2035) il 4,3 per cento finito, un tasso certo non fuori mercato.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e MESSENGER

Facebook_Round Twitter round Instagram_round_social_media_icon_free Telegram round Whatsapp_free_social_media_icon_round

''La sospensione di un attimo''

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
sienafreewhatsapp300X200
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK