Mercoledì, 20 Settembre 2017
Banner
Banner
Ultime Notizie
Banner
ECONOMIA E FINANZA
E-mail Stampa PDF

Weekly Focus dei mercati finanziari del 10 luglio 2017

Bookmark and Share
A cura del Settore Ricerca e Informativa Finanziaria di Banca Monte dei Paschi di Siena

mps-weekly
IL QUADRO
La pubblicazione delle minute della FED avvenute in settimana rafforzano ulteriormente il quadro descritto lo scorso lunedì: è in atto un’azione coordinata delle banche centrali verso una normalizzazione, dopo il forte stimolo monetario a livello globale effettuato negli anni passati. Ma i verbali del FOMC del 13-14 giugno scorso, riunione in cui sono stati alzati i tassi di riferimento a 1-1,25%, rivelano anche di un comitato diviso sul fronte dei rialzi dei tassi nei prossimi mesi. Il dibattito tra i membri verte su due elementi: l’inflazione che si è indebolita, giustificando la decisione di alcuni membri di rallentare il passo, mentre le condizioni finanziare sono migliorate, andando in aiuto di coloro che spingono per continuare con il terzo rialzo previsto per il 2017. Ci sono inoltre differenze di vedute sui tempi per cedere sul mercato i titoli per migliaia di miliardi di dollari incamerati durante i programmi di “Quantitative Easing”: alcuni membri del Board sostengono che la Banca Centrale dovrebbe avviare il processo entro un paio di mesi.

Le esternazioni di Weidmann e Villeroy, rispettivamente presidente della Bundesbank e governatore della Banca Centrale di Francia e membri del Consiglio direttivo della Bce, hanno rafforzato il messaggio di Draghi sul cambiamento della politica monetaria anche in Europa. Data la forte crescita, la BCE potrebbe annunciare un ritmo minore negli acquisti di titoli, un mutamento da effettuare gradualmente e guidato anche da una comunicazione da parte della BCE stessa per non portare volatilità dannosa ai mercati. Si assiste, quindi, ad una modifica dell’orientamento della BCE, il dosaggio del QE può essere determinato dalla crescita: più forte è il recupero, più lento sarebbe il ritmo di QE.

Ma nonostante gli sforzi della BCE, la risposta del mercato ai segnali che arrivano dalle banche centrali si manifesta in modo evidente. Il sentiment sui bond europei è cambiato, una maggiore fiducia nella ripresa indicata chiaramente nelle minute della BCE, hanno spinto i tassi dei Bund tedeschi al livello massimo dal gennaio del 2016, fino allo 0,56%.

Il dato sui Nonfarm payrolls NFP (occupati non agricoli) uscito venerdì, mostra un mercato del lavoro americano solido. Le previsioni sul dato di giugno erano di 178 mila occupati ma sono state di gran lunga superate, registrando un valore di 222mila; il tasso di disoccupazione, è passato dal 4,3 al 4,4%, un dato peggiore delle attese, ma giustificato dall’incremento del tasso di partecipazione salito al 62,8%.
Il dato sugli NFP in uscita ha sostenuto il rialzo dei mercati azionari che avevano perso un po’ di spunto, tra questi si continua a mettere in evidenza il FTSEMIB italiano con una performance superiore agli altri, spinta dal recupero ulteriore del settore bancario. La via oramai tracciata per la risoluzione del problema delle banche italiane ha portato beneficio al settore: si è registrato infatti una buona performance sia rispetto al settore bancario europeo che all’indice azionario Euro Stoxx.

Nel mercato dei cambi il rialzo dollaro vs yen, spinto dai già citati NFP di venerdì, viene molto apprezzato dai colossi giapponesi che vivono di esportazioni.
Il movimento al rialzo dei tassi si manifesta su tutti i mercati obbligazionari: la curva italiana presenta la maggiore variazione settimanale, incrementi superiori agli 11 punti base su tutta la curva a partire dai 5 anni. Rialzo consistente anche della curva tedesca di oltre 10 punti base a partire dal 10 anni, ma con movimento forte anche nell’area 3-5 anni. Variazione meno ampia per la curva americana che presenta il suo incremento maggiore nell’area 30 anni, sebbene non raggiunga i 10 p.b. Il movimento al rialzo dei rendimenti tedeschi ha riportato lo spread Btp-Bund intorno a 178 p.b., valore di poco sotto la media degli ultimi 3 mesi (183 p.b.).

LA SETTIMANA
- In settimana verranno rilasciati i dati sull’inflazione in Francia, Germania ed Italia e la produzione industriale Area Euro.
- Negli USA le audizioni del numero uno della Fed, Janet Yellen, mercoledì alla Camera e giovedì al Senato, daranno informazioni più chiare sugli sviluppi della politica monetaria statunitense.
 

GUARDA ANCHE


Diventa fan su facebook Seguici su twitter
ico-zodiacoicons_separatorico_cinemaicons_separatorico-viabilitaicons_separatorico_farmaciaicons_separatorico_meteo
oroscopo cinema viabilità farmacie meteo
banner-web-300x250-01-B_2_2
300x250_estra_SIENA_FREE
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER