Lunedì, 16 Luglio 2018
Banner
Banner
Ultime Notizie
PortaSiena
ECONOMIA E FINANZA

Weekly Focus dei mercati finanziari del 19 febbraio 2018

Bookmark and Share
A cura del Settore Ricerca e Informativa Finanziaria di Banca Monte dei Paschi di Siena

mps-weekly

IL QUADRO
• Gli eventi su cui si è concentrata maggiormente l’attenzione degli investitori sono stati la pubblicazione dei dati sull’inflazione USA (superiore alle attese ma stabile su base tendenziale) e la presentazione della proposta di Bilancio per il 2019. La proposta del presidente Trump, relativamente ai piani di aumento del deficit, ha creato una frattura interna al parlamento Usa che continua a lasciare il paese senza un budget annuale.
• L’incertezza sugli effetti di un eventuale aumento dell’inflazione USA ha alimentato la domanda di beni “rifugio”, con conseguente calo della volatilità ormai prossima ai livelli medi del 2015.
• Le forti oscillazioni del Volatility Index del Cboe della settimana precedente sono finite comunque al centro di un’indagine. L’accusa è che i player abbiano mosso l’indice senza compiere effettivamente delle operazioni di trading. Se ciò fosse confermato minerebbe la credibilità del Cboe Global Market, il più grande mercato al mondo per lo scambio di opzioni.

La settimana passata all’insegna della correzione

“Non c’è nulla da temere se non la paura stessa”(Franklin Delano Roosvelt)
Il clima di paura respirato sui mercati nelle scorse settimane è in parte rientrato. I listini azionari hanno chiuso la settimana appena trascorsa in generale recupero, malgrado i rendimenti obbligazionari in Usa abbiano raggiunto nuovi massimi. In Europa premiati principalmente i comparti industriali e minerari. Milano recupera anche grazie alle indicazioni sul PIL italiano che chiude il 2017 con una crescita del 1,4%%. Spicca Parigi, complice anche la promozione da parte del Fondo Monetario Internazionale della politica del Governo francese. Seguono il buon andamento le Borse asiatiche, nonostante alcune chiusure per le festività del Capodanno collegate al calendario lunare cinese che manterrà alcuni listini chiusi fino al 21 febbraio.

La prospettiva di una crescita dei prezzi più veloce di quanto previsto e il rischio che ciò possa portare ad una stretta monetaria della Fed resta un “main issue“, per via dei possibili effetti che ciò potrebbe avere sui mercati. Secondo un recente sondaggio di Bank of America Merrill Lynch, è il 45% degli investitori istituzionali a temere principalmente l’inflazione e una correzione dei mercati azionari (a gennaio era il 36%). Le vicende dell’inizio di questo mese hanno aggravato la percezione di questo rischio con gli investitori costretti a cambiare le proprie previsioni sull’andamento dei mercati non solo per l’inflazione ma anche per l’andamento della volatilità.

Secondo lo stesso sondaggio, la liquidità, da sempre indicatore per eccellenza del livello della propensione al rischio sui mercati, è in aumento, confermando un trend di rotazione di portafoglio in corso: in media, l’esposizione in equity si è ridotta del 12% a favore di quella in cash. Il 38% degli intervistati ha dichiarato di voler aumentare la liquidità in portafoglio (a gennaio il 26% voleva invece ridurla), che raggiunge al momento quota 4,7% dei portafogli dei grandi gestori, al di sopra della media storica dell’ultimo decennio. A confermare l’avversione al rischio arriva anche l’aumento dell’esposizione nei settori di sanità e delle telecomunicazioni; solo un mese fa le classi d’investimento preferite secondo il sondaggio erano tecnologia, industriale e mercati emergenti. Questo perché gli intervistati si attendono anche un rallentamento nell’economia mondiale: se a gennaio il 37% del campione si attendeva un’accelerazione, in questo mese la quota è scesa a 10%. Nonostante il nuovo contesto, più del 90% degli intervistati non considera comunque probabile l’arrivo di una nuova recessione.

Gli high light della settima appena iniziata

La dinamica che registreranno i mercati nelle prossime settimane sarà cruciale per capire se si instaurerà sui mercati una nuova tendenza, o se le tendenze di fondo rimarranno immutate, con i mercati azionari che potranno archiviare il 2018 come il nono anno di bull market.

Nella settimana appena cominciata la prima verifica sulle tendenze inflattive giungerà dai dati sull’inflazione, attesi venerdì in Giappone e in area Euro. La prospettiva di una crescita dei prezzi più rapida delle attese, con un eventuale irrigidimento della politica monetaria in tempi più brevi del previsto, potrebbe avere ulteriori effetti sui mercati. Interessante anche la pubblicazione dei verbali delle ultime riunioni delle banche centrali in Usa e in area Euro (attesi per mercoledì e giovedì rispettivamente). Alcuni indicatori anticipatori in particolare PMI, ZEW, IFO in Germania e PMI nell’area Euro potranno poi chiarire se l’eventuale accelerazione dei prezzi sarà accompagnata da una crescita economica a livello mondiale ancora vivace o se invece il ciclo economico è giunto ad un punto di svolta. Se così fosse i timori collegati all’inflazione potrebbero essere estremamente ridimensionati e la crescita dei prezzi più contenuta di quanto temuto, con conseguenti ripercussioni sulle scelte degli investitori.
 
sienafreewhatsapp2

GUARDA ANCHE


SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round ico-zodiacoicons_separatorico_cinemaicons_separatorico-viabilitaicons_separatorico_farmaciaicons_separatorico_meteo
oroscopo  cinema    viabilità     farmacie     meteo
300x250-estra-offerta-luce
fotostudiosiena

SEGUICI SU FACEBOOK

SEGUICI SU TWITTER