Giovedì, 22 agosto 2019
Banner
Banner
EVENTI E SPETTACOLI

La Primavera Chigiana si avvia a conclusione con due performance del Carpe Diem String Quartet

Bookmark and Share
Ultimo appuntamento della Maestro Concert Series: martedì 25 giugno, Palazzo Chigi Saracini, ore 19.30

carpediemquartetÈ con la performance del Carpe Diem String Quartet in programma domani sera, martedì 25 giugno, a Palazzo Chigi Saracini, ore 19.30, in un originale programma che spazia da Dvořák (Quartetto in sol maggiore, op. 106) ai compositori viventi Reza Vali (Iran) e Richard Danielpour (USA), che si accommiata la prima edizione della Primavera Chigiana, il nuovo festival internazionale di musica da camera organizzato dall’Accademia Chigiana di Siena, in concomitanza con l’edizione primaverile dei C-GAP (Chigiana Global Academic Program).

L’ultimo appuntamento della Maestro Concert Series sarà completato dal concerto di giovedì 27 giugno, a cura dei giovani cameristi allievi del C-GAP, e dal concerto dedicato ai compositori impegnati nel corso tenuto da Richard Danielpour, le cui musiche saranno interpretate dal Carpe Diem String Quartet, venerdì 28 giugno, entrambi a Palazzo Chigi Saracini, alle 19.30 e a ingresso gratuito.
 
Richard Danielpour è uno dei massimi compositori americani viventi, eseguito da artisti del calibro di Yo-Yo Ma, Jessye Norman, Dawn Upshaw, Emanuel Axe, Gil Shaham, Frederica von Stade, Thomas Hampson, Gary Graffman, Anthony McGill, Kalichstein-Laredo-Robinson Trio, Guarneri ed Emerson String Quartets, New York City e Pacific Northwest Ballets. È incaricato del corso C-GAP di composizione, frequentato quest’anno da 7 studenti provenienti dagli Stati Uniti e dalla Cina. Il corso vede per la prima volta in assoluto nell’ambito dell’educazione musicale universitaria l’eccezionale presenza del Carpe Diem String Quartet quale formazione in residenza, “un'esperienza senza precedenti per lavorare su una composizione in maniera intensiva con un quartetto, di questo livello, in presenza”, sottolineano gli studenti del corso.
 
Le opere del compositore iraniano Reza Vali vantano esecuzioni dei più importanti gruppi da camera del monto, dal Cuarteto Latinoamericano, al Il New Orleans Ensemble di Pittsburgh, al Kronos Quartet, ai Seattle Chamber Players e i Da Chamber Chamber Players. Quest’anno a Siena presenta la sua opera per quartetto, intitolata Ormavi.
 
I biglietti dei concerti della Maestro Concert Series sono in vendita online sul sito dell’Accademia Chigiana (http://www.chigiana.it/acquista-i-biglietti-2/) e al ChigianArtCafé. L’acquisto di un ingresso al concerto al ChigianArtCafé comprende una consumazione al ChigianArtCafé: una ragione in più per visitare lo spazio, multimediale e immersivo, di Palazzo Chigi Saracini anche durante la settimana.
 
La Primavera Chigiana consegna la staffetta al Chigiana International Festival 2019, Out of Nature, sabato 6 luglio.
 
Carpe Diem String Quartet

Lodato dai critici delle maggiori testate internazionali, tra cui il NY Times e il Washington Post, il Carpe Diem Quartet è uno degli ensemble da camera più ricercati oggi dalle scene internazionali.
Il gruppo elude ogni tentativo di facile classificazione, grazie a scelte di repertorio che includono la musica classica, gitana, tango, folk, pop, rock e jazz, ed esibendosi sia in serie concertistiche tradizionali (Carnegie Hall, New York NY, Jordan Hall, Boston MA, National Gallery of Art, Washington DC, Chautauqua Institute, Chautauqua NY, Asolo Theatre, Sarasota FL, Accademia Chigiana, Siena Italia, Suntory Hall, Tokyo Giappone) sia in luoghi non convenzionali (Poisson Rouge, New York, Bach Dancing and Dynamite Society, Half Moon Bay, CA, The Redlands Bowl, Redlands, CA; The Mug & Brush, Columbus, OH).
Il CD di Carpe Diem "Montana", della compositrice (e membro del quartetto) Korine Fujiwara, ha ricevuto entusiastiche recensioni su Strings Magazine. Il Carpe Diem ha inoltre registrato il ciclo completo dei nove quartetti d'archi di Sergei Taneyev per Naxos, così come i quartetti d'archi completi di Jonathan Leshnoff, The Book of Calligraphy di Reza Vali, due CD con il cantante / chitarrista Willy Porter, Anansi e Sky Godwith John Gunther, i quartetti d'archi completi di Richard Jordan Smoot, Quintet No. 1 e 2 per mandolino con il mandolinista Jeff Midkiff, e i Songs without Words di Bruce Wolosoff. Recentemente il CD di musiche di Jeff Midkiff è stato premiato con il Gold Prize ai Global Music Awards. Il Carpe Diem cerca, ed è ricercato da, artisti di diverse provenienze per collaborazioni, tra cui il cantante / compositore / chitarrista americano Willy Porter, il vincitore del Grammy latino / bandoneónista Raul Juarena, il clarinettista klezmer David Krakauer, il violoncellista Yo Yo Ma, il virtuoso del banjo Jayme Stone,il flautista celtico Shannon Heaton, il mandolinista Jeff Midkiff, il trombettista Dixieland Tom Battenberg, il chitarrista classico Nicolo Spera, il suonatore di pipa cinese Yihan Chen, il Jazz Quartet the Whirly Birds e il maestro mondiale del santoor persiano Dariush Saghafi. Il quartetto si dedica attivamente alla comunità, promuovendo il superamento dei limiti del quartetto d'archi classico e dell'esperienza concertistica cameristica tradizionale. Con una programmazione innovativa, concerti tematici, musica popolare per le generazioni più giovani, videocamere e video presentazioni, oltre all’interazione diretta con il pubblico, il quartetto è stato capace d’attrarre un nuovo pubblico nelle sale da concerto e rivitalizzare la loro esperienza musicale cameristica.

Reza Vali (nato nel 1952 a Ghazvin) è un musicista e compositore nato in Iran dove ha studiato al Conservatorio di Teheran. Nel 1972, ha frequentato l'Università di Musica e Spettacolo a Vienna, dove ha studiato composizione. In seguito ha frequentato l'Università di Pittsburgh dove ha conseguito il dottorato di ricerca in composizione e teoria. Attualmente è in facoltà alla Carnegie Mellon University. Ha ricevuto molte onorificenze come il premio d'onore del Ministero delle Arti e delle Scienze austriaco, due borse di studio Andrew W. Mellon.
 
Ha anche ricevuto commissioni dalla Pittsburgh Symphony Orchestra, dal Boston Modern Orchestra Project, dal Pittsburgh New Music Ensemble, dal Kronos Quartet, dai Seattle Chamber Players e dall'Arizona Friends of Chamber Music, oltre che dai concessioni del Council of the Arts della Pennsylvania il Board of Public Education di Pittsburgh. È stato selezionato dal Pittsburgh Cultural Trust quale Artista emergente d’eccezione, ricevendo il Creative Achievement Award.
 
Le sue opere orchestrali sono state eseguite negli Stati Uniti dalla Pittsburgh Symphony, dalla Seattle Symphony, dal Boston Modern Orchestra Project, dalla Baltimore Symphony, dalla Memphis Symphony Orchestra e dall'Orchestra 2001. La sua musica da camera è stata eseguita dal Cuarteto Latinoamericano, il Il New Orleans Ensemble di Pittsburgh, il Kronos Quartet, i Seattle Chamber Players e i Da Chamber Chamber Players.

Il pluripremiato compositore americano Richard Danielpour si è affermato come uno dei compositori più dotati e ricercati della sua generazione. La sua musica ha attirato una schiera di grandi esecutori internazionali e illustri e, in qualità di devoto mentore ed educatore, ha avuto anche un impatto significativo sulle giovani generazioni di compositori. Il suo elenco di commissioni include alcuni dei più famosi artisti del nostro tempo tra cui Yo-Yo Ma, Jessye Norman, Dawn Upshaw, Emanuel Axe, Gil Shaham, Frederica von Stade, Thomas Hampson, Gary Graffman, Anthony McGill, Kalichstein-Laredo- Robinson Trio, Guarneri ed Emerson String Quartets, New York City e Pacific Northwest Ballets, e istituzioni come la New York Philharmonic, Philadelphia Orchestra, Maryinsky e Vienna Chamber Orchestra, Orchestre National de France, Chamber Music Society del Lincoln Center, Santa Fe Chamber Music Festival e molti altri.
 
Con il premio Nobel Toni Morrison, Danielpour ha creato Margaret Garner, la sua prima opera, che ha debuttato nel 2005 e ha avuto una seconda produzione con la New York City Opera. Ha ricevuto l'American Academy of Arts & Letters Charles Ives Fellowship, un Guggenheim Award, il Bearns Prize della Columbia University e borse di studio e residenze dalla MacDowell Colony, Yaddo, Copland House e le American Academies di Berlino e Roma. È nella facoltà della Manhattan School of Music e Curtis Institute.
 
Nel 2016, Danielpour ha ricevuto sette esecuzioni in anteprima mondiale negli Stati Uniti. Tra le più notevoli, il suo concerto per percussioni (gennaio 2016) con la New Jersey Symphony, il suo balletto Layla e il balletto Majnun (aprile 2016) per il balletto di Nashville e, più recentemente, la prima di Talking to Aphrodite, un ciclo di canzoni per voce e orchestra d'archi, scritto in collaborazione con Erica Jong e presentato in prima assoluta dai Sejong Soloists e Sarah Shafer alla Carnegie Hall nel dicembre 2016. Attualmente sta lavorando ad un oratorio di 80 minuti, The Passion of Yeshua, che sarà presentato in anteprima a luglio 2018 all'Oregon Bach Festival. Danielpour è uno dei compositori più registrati della sua generazione; molte delle sue registrazioni possono essere trovate sulle etichette Naxos e Sony Classical. La musica di Danielpour è pubblicata da Lean Kat Music e Associated Music Publishers.
 
sienafreewhatsapp2
GUARDA ANCHE

SOCIAL e SERVIZI

Facebook_RoundWhatsapp_free_social_media_icon_roundInstagram_round_social_media_icon_freeTwitter_round

ESTRA NOTIZIE

estra300x250-80
simply20agosto-1settembre
fotostudiosiena